Archivi tag: Meena Eluarshee

26 Eleint, 1357 DR – L’ultima caccia

Non ci si poteva fermare nel bel mezzo di un diluvio. Il suolo, gli alberi, i fiori, gli animali, tutti quanti reclamavano la loro porzione d’acqua, dopo interminabili giorni di siccità. Eleint volgeva quasi al termine e questa burrasca condannava l’estate alla fine.

Nonostante la giovanissima età il figlio di Cormanthor pensava spesso a quel momento: pensava alla fine.

La frequentazione degli umani lo aveva reso più sensibile alla caducità del tempo.

Le rughe sul volto di Klaus si facevano più profonde ad ogni stagione, l’incredibile vigore di Ebeadat sarebbe svanito lentamente, lo spirito ribelle di Zeke ben presto sarebbe stato sostituito da una pratica abitudine.

Ai loro occhi, invece, lui sarebbe stato esattamente come adesso, anche dopo trent’anni.

Continua a leggere 26 Eleint, 1357 DR – L’ultima caccia

24 Marphenot, 1356 DR – Cattive abitudini

Giunti ad una biforcazione, io e il cacciatore che si fa chiamare Ebeadat, decidiamo di comune accordo di percorrere la via meno battuta. Il resto del gruppo ci avrebbe seguito a debita distanza, celato dalla cappa di invisibilità creata da Dazaen.

Ebeadat, il quale afferma di conoscere l’ubicazione esatta del circolo antico dove dimora il Druido, sa il fatto suo. Nonostante abbia una stazza imponente e i miei occhi siano abituati a percepire il minimo cambiamento all’interno della foresta, fatico ad intuire la sua sagoma. Forse che quel maledetto raggio di morte abbia indebolito le mie capacità a tal punto?

Continua a leggere 24 Marphenot, 1356 DR – Cattive abitudini

27 Kythorn, 1356 DR – La Signora in Nero

Carissima Paula,
 
come stai? E come sta Kloi? Ti scrivo perché ieri ho ricevuto una strana visita qui ad Highmoon.
Ero a fare una passeggiata nel bosco, sulla riva del laghetto delle lucciole (ricordi che te ne avevo parlato? Peccato che tu non l’abbia visto, ti sarebbe piaciuto sicuramente!) quando schiamazzando come sempre mi raggiungono Abel e Idro dicendomi che c’è una dama scura che chiede di me a casa. Su due piedi non riuscivo a pensare a nessuno in particolare, potrai immaginare la mia sorpresa quando tirata dai due mostriciattoli arrivo in cortile trovandomi di fronte nientemeno che Eragyn.
Non ho ancora ben interpretato le sensazioni che ricevo da questa donna, e volendo tenere un poco di distanza ho preferito recarmi con lei alla Taverna del Ramo Fiorito invece di riceverla in casa. La locanda era poco affollata, ma Eragyn ha comunque insistito affinché ci sistemassimo ad un tavolino appartato. Ho ordinato un sidro e della zuppa, ma lei non ha voluto nulla. Mio nonno dice sempre Mai fidarsi di chi siede a un tavolo di taverna senza ordinare nemmeno un bicchierino di mosto bollito.

Continua a leggere 27 Kythorn, 1356 DR – La Signora in Nero

25 Kythorn, 1356 DR – In amore vince chi fugge

Caro disastro Half,

 
sei arrivato a destinazione? Come procedono gli affari alla Corte Elfica? Non ricevendo tue notizie, hanno tutti insistito perché ti scrivessi per sollecitarle e per mandarti il loro saluto, sai che sei considerato di famiglia e qui se la prendono se non mandi aggiornamenti!

Continua a leggere 25 Kythorn, 1356 DR – In amore vince chi fugge

24 Kythorn, 1356 DR – Presso la Corte Elfica (Elven Court)

Passati alcuni giorni sereni a Highmoon, mi separai da Meena. Le dissi che lei sapeva cosa fare, anche nel caso le cose non fossero andate secondo i piani. La abbracciai forte.

Ad un tratto la Compagnia formatasi alla locanda “Luna Crescente” mi apparve soltanto uno dei tanti ricordi che fluttuavano senza sosta nella mente di un Tel’Quessir.

Sciolti i fardelli e i legami, lasciata Highmoon nella speranza di poterla ritrovare ancora “libera” al mio ritorno, decidetti che fosse ora di dedicarsi a questioni strettamente personali. Solcare gli antichi sentieri di Cormanthor in solitaria fu una benedizione per il mio spirito. Mi sentivo al sicuro nonostante la foresta fosse minacciata dall’esterno.

Continua a leggere 24 Kythorn, 1356 DR – Presso la Corte Elfica (Elven Court)

19 Kythorn, 1356 DR – Finalmente la quotidianità

Caro Madarn,
apprendo con piacere che il viaggio di rientro a Storpemhauder insieme a Telimas si è svolto senza intoppi, sono stata in pensiero per la vostra incolumità e ricevere queste notizie mi ha davvero rasserenata. Anche io e Halfgrimur abbiamo viaggiato senza troppi problemi. Al momento l’elfo è ospite a casa mia, non so però quanto intenda trattenersi, ha tutta l’aria di essere inquieto e di volersi presto rimettere in cammino. Si è in ogni caso comportato da degno accompagnatore e custode dell’incolumità mia, di Tula e di Gyventhar, che ho provveduto a custodire al sicuro non appena arrivati ad Highmoon.

Continua a leggere 19 Kythorn, 1356 DR – Finalmente la quotidianità

18 Kythorn, 1356 DR – Da Ordulin ad Highmoon

Il 15 Kithorn Gyventhar era a Ordulin sotto la custodia di Meena e mia. Calcolai altri tre giorni di cammino per raggiungere Highmoon. Non era necessario conoscere la lingua di Chondath, che comunque ero in grado di comprendere, per rendersi conto che la stirpe alla quale appartengo rappresentasse qui, nella capitale dello stato di Sembia, il nemico da odiare. L’antico decreto che impediva agli elfi, e sospettavo che l’ingiunzione si sarebbe estesa ben presto anche ai mezzelfi, di risiedervi campeggiava ancora all’ingresso della città. Avrebbe potuto non essere più valido ma era più prudente non farsi riconoscere.

Continua a leggere 18 Kythorn, 1356 DR – Da Ordulin ad Highmoon

14 Kythorn, 1356 DR – Sulle colline di Dun

Casa mia. Zeke, Meena, Halfie e il buon Arpino sono ormai alle spalle..il commiato è stato rapido, quasi indolore perché la strada davanti a me mi chiamava. 
Continua a leggere 14 Kythorn, 1356 DR – Sulle colline di Dun

13 Kythorn, 1356 DR – A Ponte Piumanera (Blackfeather’s Bridge)

Il mattino seguente, la situazione non migliorò affatto. Infatti si potevano scorgere un gran numero di sagome scure sui monti a nord ovest di Shadowdale. L’inizio di un conflitto? Molte domande senza risposta si affastellavano nella mia testa ma era nostro compito procedere oltre.
Dopo due giorni, il 10 Kythorn, raggiungemmo la Pietra Eretta ovvero la più antica testimonianza di pace tra noi Tel’Quessir, legittimi abitanti di Cormanthyr, e gli Umani che si erano insediati nelle zone circostanti, oggi note come Valli. Ma i tempi stavano cambiando: le fiamme avrebbero distrutto in poco tempo la lungimiranza politica del Coronal Eltargrim?

8 Kythorn, 1356 DR – Da Shadowdale ad Ashabenford

Poco dopo la separazione da Zeke, ricordo Arpino che ci disse: “Potremmo proseguire fino a sud e prendere la Moonsea Ride fino alla città di Ashabenford. Che ne dite?”. 
Avrei potuto seguire il consiglio del nano ma scelsi di non attirare l’attenzione degli uomini di Dagger Falls dal momento che avrebbero potuto essere ancora sulle nostre tracce.
Così, al 18 Mirtul, ciinoltrammo attraverso l’intricato tratto di foresta che iniziava a sud di Shadowdale e si scioglieva, insieme al fiume Ashaba, nella valle di Mistle. Io e Meena avremmo poi accompagnato Arpino, Paula e Kloi fino al ponte della Piuma Nera, a Featherdale, e poi da lì, una volta congedati i nostri compagni, avremmo raggiunto finalmente Highmoon.

Continua a leggere 8 Kythorn, 1356 DR – Da Shadowdale ad Ashabenford