Archivi tag: Sergente Dutharr

10 Tarsakh, 1361 DR – Grigliata di paranza

Sul fatto che sia rischioso avventurarsi nella tana di un drago rosso antico credo non ci sia alcun dubbio.

Io vengo da una terra maledetta dove ho visto orrori indicibili e conosciuto la malvagità dei draghi, ma quello che successe alla nostra spedizione ed alla guarnigione dei soldati del Cormyr mi ha fatto quasi rimpiangere le nebbie di Barovia.

Guy Linette ed il suo piccolo esercito erano ormai convinti che le risposte alle domande sulla scomparsa del piccolo principe anni addietro, risiedessero nella dimora del drago, forse il principe stesso, o il suo cadavere, erano ancora nelle mani del drago, e questo aveva spinto il contingente ed i suoi comandanti a ritenere la missione prioritaria. Continua a leggere 10 Tarsakh, 1361 DR – Grigliata di paranza

12 Ches, 1361 DR – Ritorno al futuro

Il piccolo gruppo si trovava ansante, tra i resti del recente scontro con i galeb duhr. Bisognava decidere velocemente come procedere: in Alturiak non solo le ore di luce erano brevi, ma il clima facilmente inclemente, specie in alta montagna.

Itromnon prese l’iniziativa e, aiutato dalla sua staffa magica, levitò in un giro di perlustrazione. Purtroppo le creature di pietra avevano scelto un covo particolarmente mimetico, o forse le energie del piccolo svirfneblin erano ancora deplete dal combattimento, e a nulla valse il guardarsi intorno.

Al rientro a mani vuote dello gnomo, la marcia degli avventurieri riprese, fino a trovare uno spiazzo idoneo all’accamparsi per la notte; Dutharr e Althea, battibeccando, si diressero nel fitto della foresta, sperando di cacciare qualche preda per il falò della cena, ma -forse proprio per le schermaglie linguistiche, che avvertivano gli animali selvatici della loro posizione – furono costretti a rientrare all’accampamento a mani vuote.

Continua a leggere 12 Ches, 1361 DR – Ritorno al futuro

28 Alturiak, 1361 DR – Il mistero dell’erede degli Obarskyr

“Quindici anni sono passati dalla sparizione del principe Loramar di Casa Obarskyr, il primogenito di Azoun IV, re del Cormyr. Il lutto per un figlio non si accetta facilmente, specie quando non hai modo di dare senso alla sua morte.

Loramar era stato inviato ad Arrabar, famoso porto di Costa Vilhon (Vilhon Reach) e capitale del Chondath, per studiare gli antichi costumi progenitori di quelli praticati nelle Terre Centrali, ma la sua nave non era mai arrivata a destinazione.

Per tutto questo tempo la famiglia reale ha dovuto convivere con l’incubo del silenzio, almeno fino a qualche giorno or sono, quando una delegazione di gnomi delle profondità (anche detti svirfneblin) del Clan Palaprofonda non si è presentata a Forte Silan, sulle prime alture dei Corni Tempestosi (the StormHorns) con la salma di un cavaliere. Sir Hujer, questo era il suo nome, era un capitano dei dragoni purpurei di stanza al forte, impiegato nel pattugliamento dei confini del regno, con il suo seguito di commilitoni. Gli gnomi hanno detto di averlo trovato ormai prossimo alla morte, farneticante a causa della febbre altissima, dovuta al congelamento e la cancrena degli arti inferiori. Le sue ultime volontà, raccolte dagli svirfneblin, sono state di restituirne il corpo (e lo scudo) al forte assieme ad un medaglione, che stringeva al petto. Per questo servigio gli gnomi sono stati lautamente remunerati.

Continua a leggere 28 Alturiak, 1361 DR – Il mistero dell’erede degli Obarskyr

3 Ches, 1361 DR – A twisted family

Mi voltai di scatto per vedere se il mindflayer ci avesse seguito.

Era lì, immobile, incombente. Cosa dovevo fare? Difendere una bambina che pareva essersela cavata a lungo anche senza di me, pareva grottesco.

“Non ti devi preoccupare di lui, padre, lui mi insegna, ma mamma dice che non bastano le arti oscure, che qualcuno deve insegnarmi anche le arti della guerra. Vieni.”

Nora Agatha Amcathra Bumblerose, la figlia che avevo concepito con Rose, Lady Rowanmantle di Shadowdale, mi prese per la mano, indifferente al fatto che fosse sporca di sangue e mi condusse per i corridoi e le scale di quella che pareva essere una torre.

Gli altri membri della compagni seguirono increduli i nostri passi, mantenendosi alla debita distanza.

“Ho già mandato un messaggero ad annunciare il tuo arrivo. Tranne alla mamma, per lei deve essere una sorpresa. Ovviamente sai dove ci troviamo, vero?”

“Nella torre di Ashaba?” azzardai. Continua a leggere 3 Ches, 1361 DR – A twisted family

10 Ukthar, 1359 DR – Il risveglio di Stirge

“Un lavoro eccellente, mastro gnomo! Ma come funziona?” chiesi più perplesso che meravigliato.

“Come funziona, ma è semplice!” rispose allegro lo gnomo iniziando una tediosa lezione di ingegneria arcana, nei confronti del quale le dinamiche femminili sono rapporti di causa-effetto di logica elementare.

Quella fogna fetida e labirintica, cimitero di morti e dimora di non morti ora aveva anche assunto l’aspetto di una discarica. Mirabili congegni erano dissimulati in mezzo a rottami e macerie, attraverso l’uso di diverse pergamene lo gnomo doveva aver aggiunto glifi e trappole magiche a trappole meccaniche, molte delle quali però non proteggevano l’entrata, ma l’accesso alle stanze che proseguivano a ovest, verso le quali Dorvak ci aveva sconsigliato. Pareva infatti che laggiù vi fosse un altro accesso al sottomondo: un pozzo mortale da cui non era possibile né scendere, né risalire.

“Quando si vuole nascondere qualcosa, l’importante è rendere molto difficile il ritrovamento della cosa sbagliata,” concluse lo gnomo, ammirando soddisfatto il proprio lavoro.

“Un’ultima cosa, capitano. C’è una cosa da cui non si separerebbe mai?” Continua a leggere 10 Ukthar, 1359 DR – Il risveglio di Stirge

1 Marphenot, 1359 DR – Nelle fogne di Zhentil Keep

Due forti colpi i riecheggiarono per la sala. Qualcuno, utilizzando i battacchi in bronzo che avevo fatto fondere con il simbolo del drago, richiamava la mia attenzione. Mi sovvenni che mi attendeva una visita sgradita.

Era passato un anno da che ero tornato nel sottomondo e la Città dei Ghoul era stata ricostruita con il nome di Undermilk. L’opera era stata condotta dai nani, con qualche suggerimento da parte degli svirfneblin che l’avevano ampliata fino al lago sotterraneo, dove vi avevano costruito un porto fortificato e un vero e proprio labirinto sotterraneo per le dimore dei kuo-toa. Il Cormyr aveva continuato a inviare attrezzatura in modo discreto e in nessun caso si era intromesso nelle nostre faccende.

Jarthoon si era fatto vivo con sufficiente frequenza commissionandomi diverse missioni. Consegnammo messaggi, accompagnammo trasporti delicati, recuperammo alleati da territori oltre confine e ci producemmo in azioni dissuasorie nei confronti di elementi non graditi nei territori del regno, senza provocare incidenti diplomatici.

Molto presto mi resi conto che avrei potuto sfruttare certe peculiarità che stavamo sviluppando. La capacità di sopravvivere, spostarci e orientarci nell’Underdark ci avrebbe potuto dare un netto vantaggio rispetto ai nostri avversari di superficie. Potevamo muoverci non visti ed emergere nei pressi del nostro obiettivo o sparire nel sottomondo, luogo in cui eventuali nemici avrebbero esitato a seguirci o avrebbero potuto trovarsi a mal partito una volta dentro. Continua a leggere 1 Marphenot, 1359 DR – Nelle fogne di Zhentil Keep

20 Flamerule, 1358 DR – Sunlight six

All’Orgoglio di Arabel mi inaffiai la gola con un fiasco di “Vecchi Vigneti”, un ottimo vino giunto da una terra lontana di cui non avevo mai sentito parlare. Purché il vino fosse buono.Placai la voragine che avevo nello stomaco con una enorme terrina a base di nervetti crudi di catoblepa al limone. Ignoravo di cosa si trattasse. Il cuoco in persona arrivò trafelato a spiegarmi che si trattava di una rara specialità, poiché il catoblepa è un animale difficile da cacciare. Inoltre, mentre il suo odore è rivoltante, la sua carne, per chi la sa cucinare è prelibata. Catoblepa, eh? Chissà se nel mio futuro girovagare ne avrei mai incontrato uno? La cosa più divertente era che il cuoco mostrava sotto il naso un chiaro arrossamento, così dovetti chiarirgli che i tre erano ospiti del Lord Jarthoon.

Trovai anche il tempo di importunare una bella giovinetta castana, con i capelli corti, vestita da viaggiatrice che consumava la sua birra e il suo castrato da sola. Ne rimediai un graffio che mi rimase per un paio di giorni a riprova che sapevo quel che facevo. Chi disprezza compra! Continua a leggere 20 Flamerule, 1358 DR – Sunlight six

7 Kythorn, 1356 DR – La battaglia di passo Tilver: cinque uomini per un esercito

Quando giungemmo al passo, pronti a lanciarci alla carica, trovammo il passaggio ingombro di macigni. Non si scorgevano né balestrieri né soldati a guardia del passo. Cosa stava succedendo? Thomdor rinunciando agli esploratori si era privato di occhi e orecchi. Qual era il piano che aveva in mente?
Come non bastassero i miei brutti presentimenti, vedemmo sbucare da dietro i macigni cinque enormi ogre corazzati, la testa di ponte dell’esercito di Hokka. Ogni carica era impensabile e ci trovammo costretti a smontare. Un manipolo di soli cinque uomini avanzarono per affrontare gli ogre sul passo. Thomdor in persona, Ethelbert, il capitano Dutharr, Baldwin Quatremain e io. Migliaia di uomini da una parte e migliaia di orchi dall’altra e l’incontro di questi contingenti dipendeva dallo scontro di appena dieci guerrieri.

Continua a leggere 7 Kythorn, 1356 DR – La battaglia di passo Tilver: cinque uomini per un esercito

1 Kythorn, 1356 DR- Un privilegio poco ambito

La mattina del primo giorno di Kythorn, nella cappella del palazzo dell’Ordine dei Dragoni Purpurei venni insignito del titolo di guardia personale del Barone Thomdor, il corpo più esclusivo e meno ambito di tutto il Cormyr.
Il rito si svolse in maniera sobria e spiccia, secondo le indicazioni del Barone, al quale non sfuggiva nulla, ma cui poco si addicevano le formalità.
Giurai fedeltà e abnegazione completa al Barone in sella al mio destriero, davanti a Dutharr, che era l’officiante e non smetteva di ostentare il suo bel coltello, Ethelbert, un veterano della guardia personale e due scudieri che passarono tutto il tempo a corazzare il mio cavallo e mondarsi il naso in modo piuttosto distratto. Il Barone comparve sbuffando poco prima del mio giuramento di fedeltà e se ne andò subito dopo.
Il momento più caloroso di tutta la procedura fu quando Ethelbert diede un buffetto al cavallo, prima di andarsene dietro a Dutharr. Finite le loro pratiche, anche gli scudieri si mossero, presero il cavallo e se ne andarono, lasciandomi solo.

25 Mirtul, 1356 DR – Le premure del capitano Dutharr

A mattina inoltrata del 25 Mirtul, rividi le amate torri di Arabel, la mia città natale. Le trombe squillarono per annunciare il mio arrivo, ma soprattutto l’arrivo di Morn. Nella piazza principale in testa al comitato d’accoglienza c’era Myrmeen Lhal, la Lord di Arabel, affiancata dal Barone Thomdor, armato di tutto punto, come fosse appena tornato da una campagna militare o fosse in procinto di intraprenderne una. Poco dietro a loro, c’erano Mourngrym Amcathra, signore di Shadowdale, e il capitano Dutharr, che mi piantò gli occhi addosso con un’espressione furiosa piuttosto eloquente. Notai l’assenza di Lady Rowanmantle e seppi solo più tardi che aveva fatto in modo di trovarsi affaccendata nell’inviare e ricevere urgenti dispacci alla cugina presso Tilverton, per ragioni che avrei imparato anche troppo presto. Venimmo accolti in modo piuttosto formale, Lord Lahl e il Barone Thomdor a stento mi considerarono, rivolgendomi solo una frettolosa approvazione per aver salvaguardato la vita di Morn, ma era evidente che lo fecero più per compiacere lui, che per attenzione nei miei confronti. 

Continua a leggere 25 Mirtul, 1356 DR – Le premure del capitano Dutharr