Archivi categoria: Gabriele P.

28 Kythorn, 1358 DR – Too Good for you

A Victor Good.

“Salve Victor, mi chiamo Nanthlor Spadagrigia e sono il Governatore di LoudWater.

Probabilmente mi conoscerai solamente per qualche informazione e pettegolezzo passato per la Gilda; in realtà tu non sai, ma ho conosciuto il tuo grande padre, Demery Good.

Egli mi ospitò nella vostra umile dimora a Scardale, quando dovetti fuggire inseguito dal tiranno Pasuuk Rensha, fu proprio la dea Mielikki ad indicarmi la porta corretta a cui chiedere aiuto. Continua a leggere 28 Kythorn, 1358 DR – Too Good for you

11 Kythorn, 1358 DR – Un itinerario per Waterdeep

“Da quanto stiamo camminando Logan?”

“Almeno 5 ore Victor…ormai questa foresta mi sembra tutta uguale. Aukan, hai ancora un po’ d’acqua?”

“Sta finendo…”

Da ormai 2 giorni i tre avventurieri avevano finalmente ripreso la marcia; dopo la brutta avventura a Rathos i giovani erano partiti di buona gamba verso Waterdeep.

Bane aveva infatti provato a rallentarli attraverso i suoi diabolici scagnozzi, ma lo spirito di squadra e l’ormai vezzo allo scontro fisico aveva decisamente voluto la meglio per i giovani. Va ricordato anche che gli abitanti del villaggio, dopo essere stati salvati dalla piaga demoniaca di Margot, avevano profuso molta stima ai loro salvatori, riempiendoli di denari e di viveri. Ed è proprio con questa fiducia e con i sacchi pieni che i tre avevano iniziato il percorso verso la Città degli Splendori, dove ad attenderli ci sarebbe stato il valoroso Artorias.

Arrivati a Baldur’s Gate sul crepuscolo, approfittarono della cittadina per ristorarsi in taverna e passare una notte in un letto comodo. Nella quiete della Locanda del Drago Viola, colsero l’occasione per tirare le somme del viaggio e per informarsi su quale fosse il percorso più conveniente. Continua a leggere 11 Kythorn, 1358 DR – Un itinerario per Waterdeep

27 Ches, 1358 DR – Un buon contatto

Un tiepido e nostalgico raggio di sole penetrò tra i vecchi muri di pietra e legno marcio della locanda del Cancello della Notte (Nightgate Inn); quel barlume di chiaro nel cielo grigio fu sufficiente per svegliare l’unico ospite ancora addormentato nella terza camerata. Quell’ospite era Victor Good.

Il ragazzo vi era giunto due giorni prima, quando le piogge e i temporali tormentavano ancora la capitale degli Obarskyr, facendo presagire ai cittadini una fine memorabile anche per quell’inverno. Ma cosa portava il giovane di Scardale nell’elegante Suzail?

Continua a leggere 27 Ches, 1358 DR – Un buon contatto

10 Ches, 1358 DR – Es e SuperIo

“Logan non dovresti nascondere quel coltello, potrebbero scoprirti…”

Ormai tra il mite e saggio, nonché valoroso cavaliere, Artorias Dacien e il cacciatore della Foresta del Re, Logan Greenhood, si era creato un rapporto di profonda amicizia; insieme avevano assistito alla perdita dei loro compagni, avevano fronteggiato le trame di potere a Scardale e combattuto valorosamente contro l’incarnanzione umana del dio Bane.

Forse è proprio imputabile a questi nefasti eventi la perdita di lucidità e di razionalità nella coppia, d’altronde i due, nonostante in viaggio da settimane, non sono ancora riusciti a dare un filo logico alla trama che, manifestandosi subdolamente, non fa altro che creare scompiglio e crudeltà nei tranquilli Regni “Dimenticati”.

Continua a leggere 10 Ches, 1358 DR – Es e SuperIo

2 Alturiak, 1358 DR – Le nebbie di Mistledale

Erano ancora intimoriti, spaventati dalla malvagità di quelle terre e di quelle civiltà, tanto vicine geograficamente ma tanto lontane, in fatto di pace e serenità, dal regno del Cormyr; ma nonostante tutto, remi in mano si addentravano lungo il fiume Ashaba, il corso d’acqua che generato dalle montagna Bocca del Deserto attraversa le pianure di Shadowdale, nelle Valli, si dirama in vari emissari per poi sfociare, nei pressi di Scardale, nel Costa del Drago.

Dave, Damon e Artorias in una barca e Logan e il misterioso Kelemvor, salvato a Shadowdale dopo essersi ritrovato vittima di una congiura, nell’altra, scivolavano veloci lungo il dolce letto del fiume e di tanto in tanto, sfruttando la quiete che solo certi boschi dimenticati possono offrire, si intrattenevano in conversazioni. Continua a leggere 2 Alturiak, 1358 DR – Le nebbie di Mistledale

6 Hammer, 1339 DR – Il ritrovamento di Dave Lance Morningson

Addì del 20 Hammer 1314 CR

(1339 secondo il Calendario delle Valli),

Anno del Corvo,

il qui scrivente Mirkir Loan, Portatore dell’Alba presso la Casa del Mattino di Eveningstar constata il ritrovamento di un giovine fanciullo presso l’entrata del sopracitato tempio.

Esaminato dai medici-sacerdoti risulta egli in buone condizioni e per tanto viene accettato presso il nostro orfanotrofio.

Gli è stato assegnato il nome di Dave, in memoria del da poco defunto Dave Turett, legato del Re Azun IV.

La data della nascita è stata fissata nel 6 del corrente mese.

 

Firmato e controfirmato dal consigliere amministrativo si ritiene questo atto al pari della dichiarazione di nascita.

Lord Portatore dell’Alba, Segretario della Casa del Mattino: Mirkir Loan

Continua a leggere 6 Hammer, 1339 DR – Il ritrovamento di Dave Lance Morningson

16 Nightal, 1357 DR – Le Tavole del Destino

Per essere tarda mattinata le temperature erano ancora molto basse, i pochi e fiochi raggi solari servivano solamente a dividere il giorno dalla notte. La terra ghiacciata risultava impenetrabile, ostile ad ogni forma di vita.

Il sentiero che dall’imponente Strada del Mare della Luna si dirama per terminare, dopo un’ora di cammino, presso le rovine di Castello Kilgrave, sembrava avvolto in una strana atmosfera magica, che rendeva quei posti, non fosse per le paurose leggende che si narrano su di esso, incantevoli. Si riusciva infatti a vedere, una volta girati verso nord, la spettacolare valle del Passo dello Gnoll, interrotta bruscamente a oriente dal Picco dell’Osservatore (Spotter’s Peak) e a occidente dalle prime alture dei Corni Tempestosi, entrambi, in quel mese, coperti di neve e ghiaccio.

Un po’ come lo spirito dei tre avventurieri che, seppur feriti, rappresentavano adesso l’unica forma di vita presente nel raggio di almeno due miglia…

O forse no?

Continua a leggere 16 Nightal, 1357 DR – Le Tavole del Destino

25 Ukthar, 1357 DR – Una conclusione tragica

“Era una giornata di pioggia battente ad Eveningstar, una di quelle giornate che ti costringono a stare in casa, a riflettere sulla vita e sugli amici.” – Dave Lance Morningson – 1332 CR, Anno del Principe

 

Di mattina il piccolo centro del paese era in un qualche modo “vissuto”. Ogni tanto si notavano bambini trovare divertimento nello sfidare la pioggia, ma non mancavano nemmeno gli adulti, costretti da mansioni più serie ad adoperarsi col maltempo. Uno di questi era l’oste del Boccale Solitario, Duman; lo si poteva osservare intento a scaricare da un carro alcune casse di alimenti, necessari per la proprio locale.

 All’interno della locanda si trovavano alcuni avventori a cui la pioggia aveva rovinato i piani per la giornata. Ad un tavolo sedevano Gregor e altri due agricoltori che, sorseggiando una bevanda d’orzo caldo, non facevano altro che lamentarsi delle intemperie e di come queste avessero appesantito gli ovili e invaso di fango le strade. Gregor preferiva ascoltare in silenzio le rimostranze dei suoi colleghi, intervenendo di quando in quando con cenni di approvazione. Continua a leggere 25 Ukthar, 1357 DR – Una conclusione tragica