7 Ches, 1358 DR – La Principessa di Ferro

Appena misero piede al Pesce Zampillante notarono uno strano figuro osservarli da un tavolo.

Ehi, Artorias, guarda chi si rivede..” disse Logan.

Si trattava di Dazaen, una vecchia conoscenza dei due cormyriani. Si sedettero al tavolo insieme a lui scambiandosi parole su ciò che era avvenuto dalla loro prematura separazione a Shadowdale. Presentarono anche i due nuovi compagni Victor e Aukan. Mentre conversavano un losco figuro si avvicinò al tavolo, un nano dall’aspetto malconcio. “Quali buone da Shadowdale?” disse con sguardo insinuante. Disse di chiamarsi Sunrun e, una volta seduto al tavolo, prese dalla giacca una pergamena arrotolata. La aprì davanti a loro ed essi rimasero a bocca aperta. Era una taglia che pendeva sulle teste di Artorias, Damon, Dave e Logan; l’accusa recitava: “uccisori di mago”. Anche solo la testa di uno di loro valeva una somma in denaro sufficiente a campare una vita intera. Continua a leggere 7 Ches, 1358 DR – La Principessa di Ferro

20 Flamerule, 1357 DR – La Compagnia di Porta Aperta

Era la Compagnia di Porta Aperta,

Di personaggi strani era composta,

allegra per Faerun amava viaggiare,

di dungeon e mostri non era esperta,

se danni faceva, non era apposta,

se c’era pericolo, preferiva scappare,

mai guardie faceva, mai era allerta.

 

Era la Compagnia di Porta Aperta,

cancellata dai libri dei migliori scrittori,

conosciuta solo nelle peggiori osterie,

di dungeon e mostri non era esperta,

per piacere rubava agli avventori,

disconosciuti persino da mamme e da zie,

mai guardie faceva, mai era allerta.” – canto popolare della Costa della Spada.

 

Oakhurst è il tipico luogo dal quale vuoi fuggire in giovane età, quando desideri conoscere il mondo, e dove invece ti ritiri, quando conosciuto il mondo, preferisci sbarazzartene. Per intenderci, ci sono più pecore che chaunteani (nds. da Chauntea, la dea della terra e dell’agricoltura), tanto che il solo imbattersi in un forestiero, rende una giornata particolare. Chiaro, no?

Continua a leggere 20 Flamerule, 1357 DR – La Compagnia di Porta Aperta

17 Hammer, 1358 DR – La grande mattanza

E ancora non mi è chiaro cosa sia questa Corona del Comando, chi la possegga, perché la cerchino. Ad ogni modo pare un artefatto molto potente poiché è stata la merce di scambio e il collante, durante la guerra delle Valli, tra fazioni che altrimenti non avrebbero avuto ragione di spalleggiarsi. – Chainer Darkbringer, Hammer, 1358 DR

La discesa nel crepaccio individuato da Halfgrimur fu messo in sicurezza da Ebeadat, un corpulento barbaro di età indefinita dalla folta barba nera. Lui ed Imong facevano la rotta, celati alla vista da una cappa elfica e da un gingillo magico. Io e Lapo rimanevamo dietro, ultimi nella cordata che comprendeva anche un nano bipolare che si ostinava a parlare al proprio martello da guerra. Convenni con Lapo che la situazione c’era proprio sfuggita di mano.

Continua a leggere 17 Hammer, 1358 DR – La grande mattanza

7 Ches, 1358 DR – Nuovi compagni

Da qualche giorno avevo riacquistato il sonno, il ricordo di Dave e Damon era ancora fresco nella mia mente, ma in cuor mio ero fermamente convinto che la loro morte non era stata invano.

Nel profondo del mio animo sapevo che se un giorno il fato mi avrebbe riservato lo stessa fine, sarei stato fiero e onorato di morire per una così nobile causa.

Non credo Logan fosse dello stesso avviso, le ferite lo avevano in un qualche modo, se possibile, reso ancor più scontroso.

Ogni tanto ci ritrovavamo a bere qualche boccale di birra alle Braccia di Ashabenford, la locanda che molto gentilmente ci offriva cibo e riparo dopo la liberazione dalla piaga che si era abbattuta su Mistledale. Per settimane cercai invano di alzare il morale del mio compagno senza successo, capii quindi che l’unico modo per voltare pagina sarebbe stato di ripartire verso la nostra destinazione, la città di Scardale, lasciandoci alle spalle gli orrori di Ashabenford. Continua a leggere 7 Ches, 1358 DR – Nuovi compagni

27 Alturiak, 1358 DR – Diario di un lupo, il pianto per i compagni perduti

Una pioggerella fine e umida cadeva su Ashabenford quella mattina, le campane suonavano a lutto. La spalla mi doleva ancora a causa delle numerose ferite riportate nell’ultima avventura in cui ci eravamo imbarcati e, nonostante le cure ricevute, il mio braccio sinistro portava il segno della corruzione che avevamo combattuto.

Era ormai passata una settimana dal nostro ritorno dal tempio di Silvanus, ma le grida disperate che Damon e Kelemvor avevano emesso mentre venivano dilaniati dai denti marci dei non-morti mi riecheggiavano ancora nella mente. Continua a leggere 27 Alturiak, 1358 DR – Diario di un lupo, il pianto per i compagni perduti

5 Alturiak, 1358 DR – L’ultima battaglia

“Il vittorioso scontro riportato sui golem di carne aveva mostrato quanto fossero traballanti ed esili le colonne portanti sulle quali poggiava l’impresa del capitano Zachary Bumblerose e dei suoi sventurati compagni.” – ignoto commentatore di Ashabenford.

Consiglio musica di sottofondo:

Alessandro Cortini – Perdonare (Avanti, 2017)

https://www.youtube.com/watch?v=yeveIybd1BQ

 

Dopo aver ripreso fiato ed aver provveduto alle medicazioni necessarie, il gruppo proseguì l’esplorazione dei sotterranei imbattendosi in un tetro stanzone che, a giudicare dal contenuto, sembrava essere una camera delle torture. Continua a leggere 5 Alturiak, 1358 DR – L’ultima battaglia