Archivi tag: Alusair Nacacia Obarskyr

5 Ches, 1361 DR – Scoperte, stupore, scelte e saluti.

Erano ormai alcuni minuti che Zachary mancava dalla piccola stanza che ci avevano assegnato, dopo che l’avevo visto seguire baldanzoso Cayla intenzionato a infilarsi nei suoi calzoni. Pur essendo ben lontano dall’essere della foggia classica e pregiata di quelli che la mia famiglia aveva confezionato per secoli, lasciavano comunque intuire morbide forme al cui conforto un avventuriero non ligio ai dettami di Helm quale era il mio nuovo compagno non avrebbe mai saputo sottrarsi.

La natura equivoca del rapporto tra gli elfi del Loto Nero incontrati poco prima ed il mio vecchio amico cominciava ad aprire ampi varchi nelle certezze di Halfgrimur, tali che il capitano Bumblerose dei Grifoni d’Argento del Cormyr aveva addirittura iniziato a chiamarlo con un fastidioso nomignolo: Halfie. Questi si era infatti ritirato in solitaria meditazione cercando da una parte di riaversi dai combattimenti della mattinata e dall’altra riflettere su questo insperato incontro con altri rappresentanti della sua da lungo tempo dispersa stirpe.

Mentre io cercavo di ottenere alcune segrete informazioni dal loquace e gioviale Flox, il mastro nano che ci aveva accolto al nostro arrivo all’insediamento fortificato che ora ci ospitava, ingurgitando birra come se l’indomani potesse presentarsi l’alba del nostro ultimo giorno in queste terre, immaginavo Zachary intento a danzare di scherno con la sagace Cayla, dubbioso su chi avrebbe avuto la meglio in un confronto di furbizia e lascivia.

Continua a leggere 5 Ches, 1361 DR – Scoperte, stupore, scelte e saluti.

5 Hammer, 1358 DR – L’inverno è arrivato

La mattina del 1 Hammer 1358 Halfgrimur, come a voler inaugurare l’Anno dell Ombre,  raggiunse ancora una volta quella che, ormai, poteva considerare la sua seconda casa: Shadowdale. Le cicatrici lasciate dalla magia nera lo avevano reso più vecchio di quarant’anni. Un’ inezia che, tuttavia, lo rendeva orgoglioso della sua genia.

Il nome che portava, un nome da umano, era un fardello pesante ora, in quanto, vista la notorietà di cui godeva in paese, non appena sillabava per intero “H-A-L-F-G-R-I-M-U-R” tutti rimanevano perplessi, sforzandosi di collegare le sue orecchie a punta ad un nome così inusuale e poco idoneo ad un nativo di Cormanthor. Continua a leggere 5 Hammer, 1358 DR – L’inverno è arrivato

15 Marphenot, 1357 DR – Dietro il paravento dei potenti

Chainer osservava con interesse i progressi raggiunti nell’edificazione della Casa dell’Oscuro Tiranno; presto il suo successo sarebbe stato completo, quando avrebbe posato il suo profanato deretano sullo scranno, quale Maestro del tempio.

– Guarda Trinchetto! Il tempio di Bane sarà magnificente quanto e più della Torre Ritorta; venendo da est i patrioti di Zhentil Keep troveranno ispirazione nella nostra costruzione, – disse.

Il gigante annuì, torvo come suo solito – Qualcuno non vede di buon occhio il nostro potere estendersi, mio Signore. La sgualdrina del Lord della Valle tutto scruta: i suoi servi invia per spiare, scrivere, annotare.

Continua a leggere 15 Marphenot, 1357 DR – Dietro il paravento dei potenti

19 Mirtul, 1357 DR – Metti, una mattina, di visitare la tenuta di un barone un po’ “orso”

La lettera dello stupido gnomo era sospetta di per sé, ma la curiosità di rivedere il vecchio amico era comunque più forte del rischio di accettare un invito a Waterdeep. Lo gnomo, che Moradin e Clangeddin lo tengano in gloria, era notoriamente un ricettacolo per i guai e le situazioni bizzarre, dalle quali un nano di una certa età e intelligenza, quale io sono, avrebbe dovuto tenersi a debita distanza. Ma purtroppo le guerre scarseggiano, i goblin anch’essi si sono fatti più pavidi e dei regni dei grandi nani, e del ricordo della loro barba, resta solo un’ombra nella mente dei membri più anziani del clan. Così anche Whelm si è rassegnato a questa gita.

Mastro Ittuttof era stato alacre, e aveva invitato gran parte della Compagnia dei Cercatori; persino il Maestro Kloi si era preso il disturbo di presenziare. Solamente, per ovvie ragioni, la principessa Alusair e il valoroso Ebeadat, intento in altri affari, non avevano potuto rispondere alla convocazione.

Per qualche giorno ammetto che fu rilassante, assieme a Klaus e il pavido elfo Halfgrimur si passavano le serate tra bord…, ehm locande, e visite ai mercati della metropoli. Waterdeep riesce a destare un certo stupore anche nel mio cuore, nonostante Whelm mi assilli con un senso d’ansia per questi luoghi affollati. Stupido martello!

Continua a leggere 19 Mirtul, 1357 DR – Metti, una mattina, di visitare la tenuta di un barone un po’ “orso”

27 Marphenot, 1356 DR – L’alba successiva all’ultima battaglia di Lashan Aumensair

Alle luci del mattino del 27 Marphenot 1356, 450 anni e un giorno dopo l’insediamento del primo umano nella Torre Ritorta, Shadowdale si risvegliò nel gelido abbraccio di un inverno che sembrava non arrivare mai. La neve si posava copiosa sugli edifici danneggiati dagli incendi appiccati la notte precedente. I templi erano ora la casa di chi non possedeva più un letto dove dormire, il palazzo di Lord Mourngrym ospitava i feriti e le segrete gli invasori venuti da Scardale.

Fuori, nelle strade rese fangose dal maltempo, soldati con le nere insegne di Zhentil Keep si occupavano di portare la legna per i camini e scortare i carri, provenienti dalla vicina Voonlar, dei mercanti che rifornivano di vettovaglie gli abitanti. Continua a leggere 27 Marphenot, 1356 DR – L’alba successiva all’ultima battaglia di Lashan Aumensair

26 Marphenot, 1356 DR – E venne il giorno

La notte non era ancora finita quando Imong mi fece riavere dal torpore con un ben assestato calcio nel deretano: vaghi ricordi riaffioravano mano a mano mentre camminavo dietro lo gnomo, ripercorrendo a ritroso il percorso che ci riportava alla locanda, dove stava riposando il resto dei nostri compagni.

Dopo avere creato sufficienti distrazioni con schiamazzi da ubriaco e pretese di accedere alla cattedrale al seguito della Mano di Tyr – tanto da permettere al mio compagno di accedere inosservato alla navata principale – una volta scemato l’interesse generale per il convoglio formato dal maestoso baldacchino recante le insegne di Tyr ed il suo seguito di guardie, scomparsi all’interno della chiesa, mi ero assopito sullo stipite del portone della cattedrale di Lathander, in attesa del ritorno di Imong.

“Li ho seguiti non visto fino alla cima della testa della fenice; avevano il Tomo della Vita Eterna e la Mano di Tyr, e li hanno riposti assieme nella più remota stanza in cima alla torre centrale, protetta da incantesimi che ne impediscono l’accesso agli indesiderati. Sono comunque riuscito a vedere e riconoscere i partecipanti a questo complotto: oltre a Cassimar, ho riconosciuto l’Abate Kloi ed il suo Maestro Deren. Domani qualcuno dovrà spiegare molte cose.”

Continua a leggere 26 Marphenot, 1356 DR – E venne il giorno

25 Marphenot, 1356 DR – La Mano di Tyr giunge a Shadowdale

Dal Diario di Dazaen Val’Istar:

25 Marphenot, Anno del Verme,

Il fumo non si era ancora diradato e il puzzo del mortifero gas dimorava ancora vigoroso nei polmoni dei miei compagni. Vidi i volti pallidi e le labbra rosse ancora gocciolanti del sangue del cuore della creatura che per poco non li aveva sopraffatti.

Il cacciatore, con un disinteresse che trovo curiosamente apprezzabile, non curandosi del mondo circostante e dei feriti, cominciò di buona lena a fare a brandelli i resti del rettile ormai inerme. Nonostante il monito riguardo l’importanza del tempo in tali circostanze, imperturbabile e disinteressato il cacciatore continuava imperterrito a scuoiare, disossare e sbudellare la nauseabonda carcassa. 

Le coordinate suggerite dall’obelisco erano chiare nella mia mente, ma per risolvere l’enigma avevo bisogno di una carta topografica. Optammo quindi per lasciare Ebeadat al suo lavoro di macelleria applicata e volgere i nostri passi svelti verso un rapido ritorno a Shadowdale.
Continua a leggere 25 Marphenot, 1356 DR – La Mano di Tyr giunge a Shadowdale

25 Marphenot, 1356 DR – La ruota del tempo

Lasciamo il bosco animato e Aigor alle nostre spalle.

Le regole delle terre selvagge non sono chiare al cavaliere e questo è un problema, ma a parte Imong sembrano tutti in difficoltà tra questi rami.

Proseguiamo verso nord e in breve la boscaglia dirada mutando in una vasta area paludosa.

La palude significa sabbie mobili e incertezza dell’approdo ma tornare indietro per il sentiero finora percorso è impossibile.

Decidiamo di affrontare la palude.

Dopo poche decine di metri, vista la difficoltà di creare una cordata sicura, torniamo a riva. Lo stallo in cui ci troviamo è sbloccato da Dirnal che si affida a Clangeddin per un auspicio. La visione è breve ma sulle lame insanguinate delle divine asce il nano scorge gli occhi di una vecchia gitana. Una carovana di zingari si sta muovendo verso Shadowdale attraverso il bosco e potrebbero aiutarci, gli zingari sanno molte cose e parlano con la fortuna.

Continua a leggere 25 Marphenot, 1356 DR – La ruota del tempo

24 Marphenot, 1356 DR – Cattive abitudini

Giunti ad una biforcazione, io e il cacciatore che si fa chiamare Ebeadat, decidiamo di comune accordo di percorrere la via meno battuta. Il resto del gruppo ci avrebbe seguito a debita distanza, celato dalla cappa di invisibilità creata da Dazaen.

Ebeadat, il quale afferma di conoscere l’ubicazione esatta del circolo antico dove dimora il Druido, sa il fatto suo. Nonostante abbia una stazza imponente e i miei occhi siano abituati a percepire il minimo cambiamento all’interno della foresta, fatico ad intuire la sua sagoma. Forse che quel maledetto raggio di morte abbia indebolito le mie capacità a tal punto?

Continua a leggere 24 Marphenot, 1356 DR – Cattive abitudini

24 Marphenot, 1356 DR – Groviglio di trame

Da “I miei Sotterranei”di Imong Ituttof

Chiavi, filatteri, specchi, mani magiche, libri che resuscitano i morti ed una serie infinita di personaggi loschi, più di me intendo…..quello che sembrava un semplice e rapido investimento di tempo ed energie per cercare due preziosi e tornarsene finalmente a Waterdeep a passare la vecchiaia, ci ha fatto trovare in mezzo ad un contenzioso per reclamare una terra che evidentemente reclamata non vuole essere, e questo significa tanti guai e poco guadagno, almeno fino ad ora…..se solo potessi ancora contare sul buon senso di Don Zauker (ndr. il prete che accompagnò Imong nella Tomba degli Onori), lui avrebbe districato il tutto con la sua saggezza e al lavoro sporco c’avrei pensato io, ma temo che non faccia più parte di questo mondo, pace all’anima sua….fatto sta che le investigazioni fino ad ora c’hanno fatto capire che i templi di questa città non sono poi quei luoghi sicuri che tutti pensano….sembra che qualcosa di non esattemente nitido si nasconda dietro le intenzioni di questo tale Cassimar e che una serie di ricorrenze che affondano nel tempo stiano per dare il la ad eventi potenzialmente catastrofici per Shadowdale e le foreste circostanti. Continua a leggere 24 Marphenot, 1356 DR – Groviglio di trame