Geografie dei Reami: Scardale – 1357 DR

“Scardale è sempre stata una Valle potente e agiata, e al pari di Archendale, in un qualche modo pericolosa per la pace. I saggi sapevano che, oltre alle potenze vicine, esistevano due potenziali focolai interni. La storia dirà se la caduta di Lashan Aumersair sia stata o meno un bene per le Valli.” – Elminster di Shadowdale

 

Le tre caratteristiche geografiche principali della regione sono il fiume Ashaba, che attraversa la valle da ovest a est; il Mare delle Stelle Cadute alla foce del fiume, che ne ha permesso la vocazione commerciale; e la grande gola chiamata la Cicatrice, dalla quale la Valle ha preso il nome. I miti dicono che la Cicatrice è il risultato di un fendente, andato a vuoto, di Corellon Larethian, mentre era intento a duellare col dio degli orchetti Gruumsh. La ferita è ancora profonda, ma è guarita bene, e il Fiume Ashaba attraversa rapidamente  la Cicatrice nel suo tratto finale verso il mare. La Cicatrice è ampia dai ventiquattro ai trentadue chilometri per gran parte della sua lunghezza. Le Cascate della Piuma segnano il margine occidentale della gola, mentre la città di Scardale quello orientale, dove l’Ashaba si riversa nel Mare delle Stelle Cadute.

La regione di Scardale

A seguito della Guerra della Valli, la città di Scardale sta vivendo un momento difficile; la sconfitta degli eserciti di Lashan Aumensair ha portato ad un’occupazione da parte delle nazioni vincitrici, cosa che ha determinato un fuggi fuggi dalla capitale. Dell’emorragia di personaggi autorevoli della borghesia di Scardale ha beneficiato il sito di Chandlerscross, anch’esso dotato di un piccolo porto all’interno della Cicatrice, sul quale, prima del conflitto militare, era dirottata una parte poco significativa dei traffici commerciali.

 

Storia Regionale

Da sempre una regione dall’economia florida, dove la cultura di Sembia si fonde con quella delle Valli, Scardale ha costruito il suo successo su di una dinastia di sovrani risoluti, gli Aumersair, una borghesia attiva a e lungimirante e un esercito ben addestrato. Il seggio di Scardale ha sempre avuto un peso speciale nel Consiglio delle Valli, perché pareva l’unico stato della regione a poter tenere a bada le aspirazioni di Archendale ad un’egemonia politica nella Federazione. Questa visione si è rivelata errata negli ultimi anni: dopo aver ereditato il trono da suo padre Uluf, Lord Lashan Aumersair prese ad accumulare ricchezze e potere a Scardale con l’intenzione di conquistare tutte le Valli meridionali. Nel 1356 CV mosse guerra alla Federazione annettendo agevolmente Harrowdale, Featherdale e, per un breve periodo di tempo, Battledale. Questo conflitto ha preso il nome di Guerra delle Valli. L’avanzata dell’esercito di Scardale terminò con le battaglie presso Mistledale e Shadowdale, dove fu sonoramente sconfitto da una frettolosa alleanza tra le altre Valli e le potenze straniere. Del sovrano di Scardale si sono perse le tracce dopo la ritirata del suo esercito presso i campi del Vecchio Teschio, a Shadowdale.

 

Luoghi Importanti

La città di Scardale ha perso la sua posizione dominante nella regione, il potere si è trasferito nei paesi minori delle terre interne.

La città di Scardale

Città di Scardale (piccola città): con più di 10.000 abitanti all’attivo era senza dubbio la città più popolosa delle Valli. Con la sconfitta di Lashan, tra caduti, dispersi e fuggitivi la popolazione si è più che dimezzata. Allo stato attuale vige un governo provvisorio indipendente, composto da un Signore locale che rende conto al Parlamento dei Consiglieri. Hillsfar, Zhentil Keep, Cormyr, Sembia, e ognuna delle Valli ha un seggio nell’organo di consiglio. Ogni consigliere tiene aggiornata la sua rispettiva nazione riguardo all’attività di governo. Il Signore attuale è Myriam Beechwood, che durante il Concilio delle Valli ha rimarcato gli oltraggi e le atrocità commesse dalle truppe occupanti; il Lord chiede quanto prima la smobilitazione delle truppe alleate e un ritorno alla normalità. Ognuna delle forze occupanti mantiene una guarnigione in città, a capo delle quali stanno figure di rilievo. La maggior parte delle Valli hanno inviato i secondogeniti delle famiglie reggenti o i locali capitani di guardia mentre le guarnigioni di Sembia, Cormyr e del Mare della Luna (Zhentil Keep e Hillsfar) sono composte da un’alta percentuale di veterani della guerra appena terminata.

Ufficialmente nulla trapela, ma i rapporti tra le fazioni in città sono molto tesi; conflitti che variano dalla rissa di taverna a vere scaramucce tra gli agenti delle nazioni o le loro guarnigioni sono all’ordine del giorno. Di fatto Scardale è divisa in quartieri militarizzati e gli occupanti tessono un gioco complesso di intrighi, anche nei confronti di alleati ritenuti affidabili. La volontà di riappacificare Scardale è un obiettivo secondario, anzi se possibile è oggi un luogo più pericoloso.

I nativi della Valle sono di conseguenza estremamente riservati e diffidenti verso gli stranieri. Anche i templi non sono stati risparmiati dalla guerra, con l’eccezione di quello di Tymora sono andati tutti distrutti. Recentemente, data la presenza di soldati in città, è stato edificato un santuario dedicato a Tempus.

Solo i mercanti più coraggiosi portano i loro carichi nel vecchio porto di Scardale di questi tempi. Nei bassifondi per commerciare è necessario il benestare delle gilde, di qualche politicante o delle forze armate di uno degli stati occupanti. L’incertezza è totale anche per quanto riguarda la giustizia, che ognuno pare amministrala a suo modo: per lo stesso crimine si può ricevere un regolare processo come essere giustiziati seduta stante, a seconda di quale sia la forza ad aver bloccato il malvivente.

L’unico luogo che rimane come in origine e merita di essere ricordato è la Fontana dei Quattro Delfini. Il cortile nel quale la fontana è presente resta al centro del quartiere portuale. Non solo è un luogo amato dagli abitanti per la sua calma e bellezza, ma è anche assai apprezzato per la discrezione, in quanto qui persiste un effetto magico che impedisce di ascoltare o scrutare ciò che accade al suo interno.

Chandlerscross (grande paese): l’occupazione della Valle non ha raggiunto Chandlerscross. La cittadina resta pulita e ordinata e la guardia cittadina, composta esclusivamente da abitanti di Scardale, senza nessuna presenza straniera a comandare, è discreta e competente. Nonostante il Patto delle Valli sia una memoria lontana, i cittadini di Chandlerscross in genere credono che la collaborazione con il resto delle Valli sia un’ottima cosa, almeno fin quando la Federazione sarà in grado di tenere gli eserciti invasori fuori da Scardale e le spie a Sembia e nel Cormyr.

Chandlerscross funge da sede del governo di Scardale assieme alla vicina città di Scarsdeep. Il Governatore delle Provvigioni Khelvos Dermmen amministra la Valle da una piccola fortezza sull’Ashaba, e per gli incontri regolari il Consiglio di Scardale si riunisce qui.

 

 

Nonostante, nella vita reale, i protagonisti di questo blog abbiano un'occupazione, abitudini sane ed interessi culturali, essi amano indossare una maschera e, periodicamente, oltre la porta della fantasia, cimentarsi con intrighi politici, tesori nascosti, tombe di famigerati stregoni e quanto di più bizzarro vi possa venire a mente. Qui si narrano le vicende delle loro Compagnie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: