Archivi categoria: g- Flamerule (Lug)

2 Flamerule, 1358 DR – Il patto

Credevo che tornare a casa di mio padre mi avrebbe portato una maggiore tranquillità dopo il terribile periodo della guerra del Sottosuolo, ma così non fu.

La corte dei Truesilver mi accolse come l’eroe che avevo dimostrato di essere, dopo anni di scetticismo verso il figlio bastardo, per giunta mezzelfo, del capofamiglia. Ma ora che sarei passato alla storia come uno dei più grandi eroi del casato e del Cormyr, tutti alla corte dei Truesilver avevano sguardi di ammirazione invece di quei taglienti occhi che trasudavano disgusto e pietà per un impuro.

Finalmente ero l’orgoglio che mio padre desiderava da sempre: divenni un trofeo da esibire e da portare in parata o in battaglia. Durante la caccia a un gruppo di pirati, bastò che si spargesse la voce della mia presenza su una delle navi dei Truesilver perché i criminali si arrendessero, consegnandosi alla guardia di loro spontanea volontà. Continua a leggere 2 Flamerule, 1358 DR – Il patto

20 Flamerule, 1358 DR – Sunlight six

All’Orgoglio di Arabel mi inaffiai la gola con un fiasco di “Vecchi Vigneti”, un ottimo vino giunto da una terra lontana di cui non avevo mai sentito parlare. Purché il vino fosse buono.Placai la voragine che avevo nello stomaco con una enorme terrina a base di nervetti crudi di catoblepa al limone. Ignoravo di cosa si trattasse. Il cuoco in persona arrivò trafelato a spiegarmi che si trattava di una rara specialità, poiché il catoblepa è un animale difficile da cacciare. Inoltre, mentre il suo odore è rivoltante, la sua carne, per chi la sa cucinare è prelibata. Catoblepa, eh? Chissà se nel mio futuro girovagare ne avrei mai incontrato uno? La cosa più divertente era che il cuoco mostrava sotto il naso un chiaro arrossamento, così dovetti chiarirgli che i tre erano ospiti del Lord Jarthoon.

Trovai anche il tempo di importunare una bella giovinetta castana, con i capelli corti, vestita da viaggiatrice che consumava la sua birra e il suo castrato da sola. Ne rimediai un graffio che mi rimase per un paio di giorni a riprova che sapevo quel che facevo. Chi disprezza compra! Continua a leggere 20 Flamerule, 1358 DR – Sunlight six

14 Flamerule, 1358 DR – Il Re Amaro della Corte Briaca riceve una promozione

“Orlyra non mi avrebbe tradito.”

“Non ti ha tradito, sciocco, ha solo condiviso il tuo segreto con qualcuno che avrebbe fatto in modo che rimanesse tale ancora un po’.”

L’unico occhio che riuscivo ad aprire distingueva una macchia bianca dalle vaghe fattezze femminili. Valutai non fosse una minaccia immediata. Nel mentre un behir aveva deciso di sedersi sulla mia schiena per scorrere le ultime gride, un gigante delle tempeste cercava a martellate di uscire dal mio cranio e una qualche forma di melma filamentosa stava lasciando la mia bocca per passare la villeggiatura in un luogo più salubre.

“Prima ti dai tanto da fare per passare inosservato, poi metti in piedi il più assurdo baraccone che Arabel ricordi, come te lo spieghi?”

“Non mi piacciono le spiegazioni, che vuoi?”

“Ti ho portato la colazione.”

“Colazione? Che ore sono?”

“Quasi ora di pranzo in verità, ma visto che ti sei appena alzato…”

Sollevai con fatica la testa dal materasso in modo da aprire anche l’altro occhio. Il behir doveva essersene andato, perché riuscii a inarcare lievemente la schiena. Il cigolio che produsse però non prometteva niente di buono. Qualunque cosa avessi fatto, dovevo aver esagerato.

Continua a leggere 14 Flamerule, 1358 DR – Il Re Amaro della Corte Briaca riceve una promozione

13 Flamerule, 1358 DR – I misteri delle Terre di Pietra

Nel Cormyr, è cosa nota, i nobili amano vantarsi dell’ampiezza della loro nazione e dell’efficiente organizzazione delle vie commerciali; spesso, tuttavia, si dimenticano di menzionare una regione a nord dei Corni Tempesta: le famigerate Terre di Pietra.

Anche se formalmente annesse ai possedimenti di casa Obarskyr, sono più una zona di frontiera, un corpo estraneo sul quale la Corona vigila con attenzione. L’aridità di queste lande, derivata dai venti torridi che soffiano dal vicino deserto di Anauroch, ha da sempre ostacolato il formarsi di vere e proprie comunità, non fosse per l’unico aspetto interessante che le caratterizza, ossia la ricchezza di minerali e in particolare di vene di rame, ferro ed oro.

Nei secoli i cercatori di metalli preziosi si sono spinti oltre la Strada del Mare della Luna, che intercetta Tilverton, sale a Passo Tilver e quindi serpeggia verso le Valli, in cerca di fortuna e hanno fondato piccole comunità fantasma, raramente più di 50 anime, che i cartografi non si danno neppure pena di registrare, tanto precaria è la loro sopravvivenza.

Le Terre di Pietra riservano ai loro visitatori un panorama di basse colline giallo ocra, maculate da piccoli arbusti spinosi alti non più di un metro. Non è però il clima il solo nemico dei cercatori d’oro, il territorio brulica di predoni con le sembianze di goblinoidi e gnoll, ma non solo…

Continua a leggere 13 Flamerule, 1358 DR – I misteri delle Terre di Pietra