Archivi categoria: h- Eleasias (Ago)

20 Eleasias, 1356 DR – Mai dire mai

Non appena i nostri corpi escono dal perimetro del silenzio innaturale provocato da Dirnal, il barbuto nano fedele a Clangeddin, tutto riprende esattamente come prima. O quasi.

Innanzitutto Imong, lo gnomo specializzato in missioni impossibili, scampato alla Tomba degli Orrori, seppur invisibile, non si preoccupa di ammorbidire il peso dei suoi passi e corre a gambe levate (almeno così posso intuire) con una gabbia da falconiere stretta al petto. Dentro brilla il Filatterio, sede fisica dell’anima del lich.
In secondo luogo, a pochi metri da noi, i due capi del Culto del Drago giacciono immobili a terra, intrisi nel loro stesso sangue. Il polmone sinistro dello stregone è stato perforato da una picca e il rene destro da uno spadino. Non miglior sorte ha subito la gola del prete, recisa nettamente da una spada lunga di fabbricazione cormyriana.

Continua a leggere 20 Eleasias, 1356 DR – Mai dire mai

20 Eleasias, 1356 DR – Testa o croce

(Vigileremo) … fino a quando Myth Drannor troneggerà nuovamente fiera” – antico detto ancora in voga nelle Valli per dire che si porterà a termine un compito fino alla fine.
 
 
L’accordo è dunque fatto. Sta a me fare un sopralluogo presso Casa Llundlar, trovare il passaggio che porta a Castello Cormanthor e vedere se ciò che si nasconde in questi luoghi sarà considerato un ostacolo insormontabile per i miei compagni.
Ancora una volta un Tel’Quessir metterà a repentaglio la propria vita per preservare il destino degli uomini. Più è il tempo che passo tra i mortali, più mi pare chiaro perché il mio popolo ha deciso di ritirarsi.
Del patto di amicizia che fu redatto sulla Pietra Eretta non rimane che l’intento.
 
Con il cuore pesante mi affido quindi a Tymora, poiché dal giorno in cui mi imbattei nella sua effige nella dimora che ospitava le spoglie di Shraevyn, è l’unico riparo nel quale rifugiarmi nei momenti più cupi. Se sarò fortunato tornerò anche questa volta, se il mio fato non è questo incontrerò lo sguardo beffardo della mia dea.

Continua a leggere 20 Eleasias, 1356 DR – Testa o croce

20 Eleasias, 1356 DR – Biforcazioni

È mattino.
Ci troviamo nella navata centrale del tempio di Oghma a Myth Drannor. Lo scontro è stato pesantissimo.
Arpino, tra tutti, è quello ridotto peggio. Sembra un cencio.
Un tanfo insopportabile si sprigiona da un gran fuoco acceso di fronte all’altare.
Le orrende membra di tre troll si stanno consumando velocemente.
Il fuoco non conosce il dubbio, penso.

 

Sono passati quasi sei mesi dal giorno in cui questa compagnia si è formata. Era il 5 Alturiak.
Poco più che un battito di ciglia per un Tel’Quessir, l’equivalente di una notte per un nano, la metà di un anno per un umano. Ognuno di noi agisce in base alle possibilità che l’imperscrutabile volere degli Dei ha determinato per lui nell’istante esatto della nascita. Se tutti gli esseri viventi seguissero alla lettera questa semplice regola di vita allora la Storia sarebbe un flusso ininterrotto di vite, accostate le une alle altre, senza alcuna distinzione. Apparirebbero come le colonne di un tempio, dall’infinito perimetro, tutte poste a uguale distanza tra di loro e prive di ornamenti. Tutte identiche a loro stesse.

Continua a leggere 20 Eleasias, 1356 DR – Biforcazioni

19 Eleasias, 1356 DR – Giusto e sbagliato

“Chi ha il potere di decidere cosa è giusto o sbagliato? Se un uomo si trova a dover scegliere tra la sopravvivenza e la morte, tra la ricchezza e la povertà, tra il potere e la mediocrità chi può giudicare quale scelta sia la più giusta? Una volta scelsi l’altruismo e quello che ottenni fu di perdere tutto quello che avevo, rischiare la vita ed essere umiliata. Scelsi la fuga, credendo di salvare le persone che amavo, e quello che è ottenuto è stata la vendetta e la loro sofferenza. Nessuno può più impormi una scelta, io sono quello che sono e le mie scelte mi appartengono. Ma allora perché ora che mi trovo in ginocchio, sto pregando perché qualcuno mi perdoni? E perché nessuno mi ascolta???” – Paula Wuran
Belfiore era ormai in preda alla rabbia più cieca, il suo unico obiettivo era distruggere i profanatori della sua tomba, il nostro era riuscire ad aprire quella maledetta porta e scatenare la sua ira su coloro che si trovavano all’esterno. Il piano riuscì, non senza sforzo e pericolo, soprattutto per il povero Arpino afferrato e agitato come una marionetta dall’essere dell’oltretomba. Sentire l’aria che cominciava a filtrare dalla porta aperta, fu una liberazione per tutti e come previsto la bestia ,una volta all’esterno, si lanciò contro tutto e tutti dandoci modo di allontanarci alla svelta da quel luogo maledetto. Solo tre avventati, cultisti provarono a sbarrarci la strada ma presto videro la fine dei loro giorni. Ci dirigemmo nel bosco verso la torre, per cercare di capire il da farsi, visto che tutti erano impegnati a lottare con Belfiore e la sua puzza.

19 Eleasias, 1356 DR – Su e giù per il Poliandro!

Halfgrimur interroga l’uomo, che, privo del cappuccio, rivela tracce di squame sul volto. L’uomo non parla alcuna lingua conosciuta eppure intende l’elfico. Quando si dice che gli anni della scuola non servono a nulla! Vivamente caldeggiato e incoraggiato dalla punta della torcia dell’elfo, in capo a due minuti, il nostro benefattore ritrova lessico e una discreta dizione. Ci racconta che il nano che andiamo cercando per conto dello gnomo Imong Ituttof si trova nella Torre delle Ossa, presso il Poliandro e presto verrà sacrificato. Gli scavi continuano, presto il dracolich sarà risvegliato e di Myth Drannor non rimarranno che leggende.
Tralasciando l’opportunità di questa ultima affermazione, per un attimo siamo tutti pietrificati. Nessuno parla, ma è evidente a tutti che la resurrezione di una creatura come quella incute un orrore tale, la cui ombra si estende ben oltre la nostra missione o le nostre vite.
A quel punto Kloi si avvicina e alleando il potere di Tyr con quello della Città della Musica, richiama dalla mente dell’uomo le sue recenti memorie. Kloi racconta di un torrente e di un guado poco avanti a noi e poi descrive il Poliandro: una parte di bosco in cui gli alberi, seppur sempre imponenti, sono molto più radi, pieno di tombe e di persone che lavorano. Vede anche una torre di tre piani, ma non il suo interno, perché l’uomo interrogato evidentemente non vi entra mai. L’uomo lavora all’entrata di un tumulo situato sul lato di una collina e a un’altra tomba più piccola.
E’ stato anche nel castello di Myth Drannor, dove trascorre le sue notti.

Continua a leggere 19 Eleasias, 1356 DR – Su e giù per il Poliandro!

18 Eleasias, 1356 DR – Il canto del drago non-morto

Il primo devastante effetto della nube tossica è quello di farci vomitare la cena da poco consumata. A dire il vero solo io e Zeke abbiamo questo privilegio. Gli altri invece stanno rivolgendo a nord la loro attenzione.  Sui loro volti si dipinge l’orrore.
Una macchia nera di dimensioni titaniche sta avanzando inesorabilmente verso il boschetto nel quale abbiamo trovato riparo. Il suo incedere è lento e meccanico. Il drago, perché è di questa creatura che stiamo parlando, raggiunge una lunghezza di trenta metri (coda compresa) e ad ogni passo lascia sul terreno pezzi di carne imputridita e liquami pestilenziali. Kloi comprende immediatamente che è il parto di una mente malata e che è stato richiamato dall’oltretomba alla stregua di qualunque altro non morto. 
È un drago zombie!
Con la stessa velocità di un cerbiatto inseguito da un lupo famelico, fuggiamo a cavallo in direzione del buco dal quale siamo saliti. Kloi urla di calarci giù. Avverto la sua risolutezza, ora che finalmente sono tornato in possesso delle mie facoltà mentali. Sento la voce ferma del prete invocare Tyr e scorgo in alto dal punto in cui mi trovo, circa a metà della scalinata, un bagliore innaturale che per un attimo rischiara la notte e ci ricorda che la fede è qualcosa di non negoziabile.
L’immonda creatura arresta la sua marcia.

Continua a leggere 18 Eleasias, 1356 DR – Il canto del drago non-morto

18 Eleasias, 1356 DR – Aspetta! Aspetta! Che arriviamo…

Cara Rosetta,

Stavolta la mia maestra Paula se l’è vista davvero brutta: non so come abbia fatto a rialzarsi dopo quella raffica. O meglio, effettivamente non si è rialzata, solo Kloi ci ha confermato che era ancora viva, ma sicuramente non sarebbe riuscita a muoversi ancora per un bel po’. Ma prima di chiederglielo, io e Halfie ci buttiamo all’inseguimento del capo brigante che comandava gli sgherri, sparito di corsa dietro la porta alle sue spalle. Del furfante non troviamo traccia però. Lo seguiamo fino ad una stanza ai piedi di un’altra rampa di scale, poi niente, scomparso nel nulla. La ricerca però non è senza frutti. Legato a delle catene, in condizioni pessime, troviamo Ristim, il mezzo uomo appena assunto come scout nelle mie brigate. Lo libero dalle catene, ma non riusciamo ad ottenere nessuna informazione da lui, è troppo confuso. Oppure è impazzito. La stanza dove è rinchiuso è strana, ad attirare la nostra attenzione è soprattutto un bassorilievo su una parete, con un braciere davanti. Non troviamo porte nascoste, il che rende difficile spiegare come abbia fatto il capo a scomparire nel nulla.

17 Eleasias, 1356 DR – Il sangue si lava col sangue

Le voci corrono veloci sulle ali del vento che sferza le Valli con minacciosi sussurri di guerriglia su diversi fronti. L’abbraccio fu fugace con i miei compagni; ognuno di loro portava con sé notizie di sangue e battaglie che infuriavano tutt’intorno. Mi sembravano tutti molto cambiati, segnati dalla vita scorsa in questo seppur breve periodo di lontananza; alcuni come Zeke, lacerati, ma allo stesso tempo fortificati. Proprio Zeke ci riferì della figlia del re del Cormyr, Alusair Nacacia, era sparita misteriosamente nei pressi di Tilverton e di essere giunto a noi seguendo un battaglione del Cormyr, che marciava verso oriente seguendo le voci di scontri con Scardale. Lashan sembra essersi proclamato “Re delle Valli”. L’abazia finora si è dimostrata timida all’esporsi a favore o contro queste esternazioni provenienti da Scardale, anche in seguito all’occupazione di Featherdale da parte delle forze armate di Lashan che si è mosso sulle pianure già ricolme di antico sangue di Battledale. Più ad Est a Mistleldale intanto infuriava la battaglia sul fiume Ashaba, è lì che il battaglione del Cormyr con cui viaggiava Zeke si stava dirigendo. La tensione è al culmine in questi giorni in cui scrivo, le popolazioni sono in fermento e affamate dal blocco commerciale che tatticamente Lashan sembra aver instaurato tra il Mare della Luna e Sembia. 

Continua a leggere 17 Eleasias, 1356 DR – Il sangue si lava col sangue

8 Eleasias, 1356 DR – Ogni cosa a suo posto

ll porto più grande di tutto il mare delle Stelle Cadute si dispiegava davanti ai miei occhi, mentre, affacciata al parapetto della nave, già guardavo speranzosa verso casa. Dopo tanti giorni e tanta solitudine (a cui non ero più abituata) nonché tanti rischi corsi per portare a termine questo viaggio, finalmente ero pronta a sbarcare. Sapevo già quale sarebbe stata la prossima mossa. Avevo bisogno dell’aiuto di un vecchio amico, qualcuno che mi permettesse di arrivare là dove volevo, senza essere scoperta. C’era un solo posto dove potevo dirigermi: il tempio di Mask.

Appena sbarcata, il mio primo pensiero era districarmi tra quelle strade che conoscevo così bene per recarmi al tempio, dove avrei potuto parlare con chi già in passato mi aveva aiutato a scappare, quando la mia stessa vita era stata in pericolo. Mi addentrai tra i templi della città (l’appellativo di “città dai mille templi” non mi era mai sembrato così calzante) e arrivai alla mia destinazione. Come sempre il tempio era immerso nell’oscurità, che come ricordai era complice di chi agisce per derubare. Mi si avvicinò un ometto, esile come un giunco e con un sorriso tanto grande quanto finto che mi chiese come poteva essermi di aiuto. Fu allora che mi eressi in tutta la mia fierezza per sembrare più sicura di quanto in realtà fossi e dissi: ”Ho bisogno di parlare con Phormin lo Scaltro, digli che lo cerca Paula, nipote di Suntya” e, così facendo, agitai un sacchetto che di certo non conteneva noccioline. Subito il piccolo giunco scomparve nell’oscurità e seguirono minuti, che a me sembrarono ore, in cui non facevo altro che avvertire sussurri nell’oscurità. 

5 Eleasias, 1356 DR – Per le strade di Amruthar e Tyraturos

Mi unii a una carovana di mercanti. Furono contenti di ascoltare le mie avventure nelle Valli, e abbastanza discreti da non chiedere il motivo del mio rientro a casa. Il Elesias giungemmo alla città di Amruthar.
Strano luogo, formalmente è una città indipendente, ma in realtà le mani dei Maghi Rossi sono abbastanza forti da tenerla sotto scacco. Mi fermai in una taverna al centro e il locandiere mi confermò che almeno in quel posto le cose non erano cambiate: c’erano tre fazioni che si contendevano il potere. 

Continua a leggere 5 Eleasias, 1356 DR – Per le strade di Amruthar e Tyraturos