17 Mirtul, 1356 DR – Congedo sul crocevia tra il sentiero Tethyamar e la Strada Nord

Il 17 Mirtul giungemmo al punto in cui il sentiero Tethyamar si riunisce con la North Ride. La mia strada e quella di Morn proseguiva verso il Cormyr, mentre gli altri avrebbero preso la via che li avrebbe condotti a Tasseldale e a Deepindale. Non fu un problema consegnare Gyventhar a Halfgrimur, ormai non mi apparteneva più e sapevo che l’elfo, che certamente l’aveva bramata a lungo, sarebbe stato un buon custode. Ci accordammo per incontrarci nuovamente ad Highmoon. Molti incontri dovevano essere sostenuti e molte decisioni andavano prese per organizzare la riconquista delle Valli e consegnare a Morn la spada che gli avrebbe consentito di guidarla. Per il momento, concordammo tutti che fosse saggio far prendere a Morn e alla spada direzioni diverse. Qualcosa si era sopito e la mia mente era rivolta al delicato rientro che mi aspettava, ma ero certo che c’era in serbo qualcos’altro per quel manipolo di avventurieri che il caso aveva così fortuitamente unito e il destino così prepotentemente guidato. Tornavamo vincitori? Non potevo dirlo con certezza, ma certamente gliel’avevamo fatta vedere. Già, nessuno avrebbe scommesso su di noi quando eravamo partiti e invece gliele avevamo cantate.
Crocevia tra il sentiero Tethyamar e la Strada Nord

Guardai i miei compagni, il nostro passato ci stava richiamando a sé. C’erano conti in sospeso che andavano saldati, ma per quanto pesanti fossero i trascorsi di ciascuno dei membri di quel gruppo, sapevo che una forza certamente maggiore avrebbe operato per farci riunire. Forse ad Highmoon o forse anche altrove, il destino ci avrebbe carpiti per farci interpretare nuovamente il nostro ruolo nel grande gioco del mondo. Compresi che, chiusi i conti con il nostro passato, quando ci saremmo trovati nella condizione di scegliere delle nostre vite lo avremmo fatto insieme e non separandoci come stavamo facendo in quel momento.
In tutto questo Morn se ne stava in disparte, comprendendo, forse, che era stata proprio l’unione di quei compagni che ora si salutavano ad avergli fornito la possibilità di fare la sua parte.

Così ci separammo. Kloi con i suoi abiti sgualciti e il suo fare dimesso aveva saputo divenire ben presto il nostro punto di riferimento; Meena si era integrata nel gruppo in punta di piedi, e all’inizio, a stento, come soldato, ero stato in grado di comprenderne il contributo e la forza, invece, come uomo, mi era subito parsa un’ottima idea averla con noi, anche se poi…, ma ora, la trasfigurazione avvenuta in lei si era rivelata in tutta la sua meraviglia e senza dubbio ancora molto Meena doveva mostrare di sè, cosa che non sarebbe dispiaciuta a nessuno dei presenti; salutai Paula dichiarandole il mio debito nei suoi confronti, quando sarebbe stata pronta per recuperare ciò che le era stato tolto a Dagger Falls avrebbe potuto contare sul mio aiuto; salutai calorosamente Arpino. Quel nano, catapultato sulla nostra strada in modo così improbabile, aveva saputo dimostrarsi un compagno affidabile e un formidabile combattente, non mancai di raccomandarmi, nel caso avesse trovato insoddisfacente la sua vita di riparatore di pignatte e calderoni, di pensare di raggiungermi nel Cormyr dove avremmo fatto di lui un grande guerriero; salutai infine Halfgrimur a cui consegnai la Spada delle Valli, era una testa matta come tutti gli elfi, ma ci eravamo vicendevolmente salvato la vita più volte e non potevo immaginare mani più sicure. Ci saremmo rivisti presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...