Ellios Kiadò

Ellios Kiadò

“Mentre lo seguivo, dubitavo che la figura che mi precedeva non appartenesse alla gente elfica; compariva e scompariva come un’ombra e non riuscivo a capacitarmene.” – Halfgrimur della Corte Elfica.

 

Data di nascita: 16 Tarsakh,1321 DR (Anno delle Catene)

 

Apparso come un’ombra nella notte, Ellios Kiadò guidò, nell’inverno del 1356 DR, la fuga dei Custodi da Shadowdale attraverso i boschi della regione. Di spirito indipendente e taciturno, non volle, nei pochi giorni trascorsi con la Compagnia, condividere i motivi delle sue traversie. Disse semplicemente di aver contratto un debito di riconoscenza con qualche signore locale interessato alla missione dei viandanti. Il suo creditore gli aveva chiesto, per voce di Lhaeo di Shadowdale, di sdebitarsi aiutando i fuggiaschi a lasciare incolumi la Valle.

Il viso abbronzato, la chioma color dell’inchiostro come le sue vesti, la figura agile ed elegante convinsero, in un primo momento, più la componente femminile che quella maschile del gruppo. Ellios rimase tuttavia fedele al suo impegno, rivelandosi una guida capace, un provetto spadaccino ed un sorprendente manipolatore dell’Arte.

Se n’è andò come era venuto, senza dare spiegazioni, sostenendo solamente di aver reso il servigio e che fosse tempo di riprendere la sua strada.

Nella Valle di Shadowdale in molti hanno sentito parlare dello “spadaccino nero”, “Ellios lo Scuro” o “Ellios dei Segreti”, la sua fama è ambigua. Non essendo certa la sua provenienza, se qualcuno chiede dei suoi servigi deve contattare Jhaele Silvermane, alla Taverna del Vecchio Teschio.

“I corvi lo troveranno,” rassicura l’esperta taverniera, “passate nelle prossime settimane e quasi certamente lo incontrerete.”

Scomparso per quasi un anno alla fine della Guerra delle Valli, quando Chainer Darkbringer stabilì un protettorato sulla Torre Ritorta come emissario di Zhentil Keep, Ellios è ricomparso per incontrare Halfgrimur della Corte Elfica nel mese di Hammer del 1358 DR. L’elfo era desideroso di sapere informazioni che l’avrebbero messo sulle tracce di Randal Morn, il traditore.

Ancora una volta lo spadaccino si prestò, per una congrua ricompensa di denaro, ad aiutare il cormanthoriano. Scesero a sud, fino ad Ashabenford dove si incontrarono con il capitano Bumblerose e Arpino Copperpot.

Dei fatti di quei giorni sono piene le cronache del Cormyr, redatte da Zachary, ma ancora una volta Ellios scomparve prima che la Peste Magica colpisse Mistledale.

Il segreto dello scuro pellegrino è ancora un mistero, ma qualcosa ci dice che un pezzetto ulteriore si andrà aggiungere presto a questa storia…

 

2 pensieri riguardo “Ellios Kiadò”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Nonostante, nella vita reale, i protagonisti di questo blog abbiano un'occupazione, abitudini sane ed interessi culturali, essi amano indossare una maschera e, periodicamente, oltre la porta della fantasia, cimentarsi con intrighi politici, tesori nascosti, tombe di famigerati stregoni e quanto di più bizzarro vi possa venire a mente. Qui si narrano le vicende delle loro Compagnie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: