12 Ches, 1361 DR – Gli Armigeri Bianchi

Gli Armigeri Bianchi, fondati a Mirabar nel mese di Mirtul del 1360 DR, sono una confraternita segreta nata da un’idea di Dirnal Scudonero, Venerabile di Clangeddin Barbargento, e Agrathan Duromartello.

Il loro manifesto è di scovare la malvagità e colpirla, come un pesante maglio, ovunque essa si nasconda. La diplomazia non è una priorità, l’idea è quella di un braccio armato da schierare nel momenti di difficoltà, un corpo speciale disposto all’ultimo sacrificio.

Fin dal principio fu chiaro che per fare ciò servisse un nutrito gruppo di persone, che volessero dedicare la loro vita alla vittoria del bene sulle forze del male. Non essendo facile trovare e radunare tanti valorosi in poco tempo, era previsto che i ranghi crescessero negli anni. Continua a leggere 12 Ches, 1361 DR – Gli Armigeri Bianchi

23 Tarsakh, 1360 DR – Un nuovo Portatore

“Quando la vita ti indica una strada, per quanto faticoso sia seguila fino in fondo.” – antico detto tra i nani di Mirabar.

 

Mi chiamo Etihw Hammersmith, figlio di Oskarr e e Yurgunn Hammersmith. Sono nato nel 1291, il 27 di Ches, a Waterdeep.

Ero ancora un piccolo nano, con appena un po’ di peluria sulla faccia, quando mio padre mi portò in pellegrinaggio al villaggio di Yarta, dove saremmo andati ad ascoltare le parole del Venerabile Dirnal. Non avevo idea di chi fosse questo sacerdote, ma durante il viaggio mio padre mi raccontò di lui e del martello che custodiva, Whelm.

Quando mi trovai al suo cospetto rimasi un po’ deluso, era solo un anziano nano come ce ne sono tanti, e quando ci sedemmo nella piccola cappella insieme ad una ventina di altri nani per ascoltare il suo sermone ero già molto annoiato. Il vecchio aveva un modo molto brusco nel parlare ma era anche molto semplice e diretto, dopo poco iniziai ad ascoltare con attenzione le sue parole. Parlava di fede, di combattere per il bene di tutti e delle responsabilità nei confronti della nostra razza. Ne fui colpito. Soprattutto fui colpito dal suo martello, sentivo la sua energia, percepivo che era una cosa viva e pensante. La sua presenza mi dava un senso di tranquillità. Tutto questo lasciò in me un segno indelebile, ma me ne accorsi molti anni dopo. Continua a leggere 23 Tarsakh, 1360 DR – Un nuovo Portatore

27 Ukthar, 1358 DR – Le Asce di Mirabar

Non importa come credi di aver vissuto la tua vita, ma se i tuoi amici mangeranno e si ubriacheranno al tuo funerale vuol dire che continuerai a vivere nei loro cuori.” – antico proverbio nanico

Agrathan scese dal carro e parlò alla pattuglia:

“Sono Agrathan Hardhammer, sono qua per la cerimonia e diventare il nuovo patriarca del tempio di Dumathoin. Oltre alla mia scorta, viaggio in compagnia di Dirnal di Clangeddin Barbargento, il figlio del vecchio Blackshield”.

Lo sguardo dei soldati era un misto tra sorpresa e incredulità, non si riusciva a capire se li sorprendesse di più la mia presenza a Mirabar o l’aver scoperto che Olaff avesse un figlio.

Non ci fu nemmeno bisogno di fare i controlli di rito, Agrathan era atteso e in città tutti lo conoscevano. Uno degli uomini salì a cavallo e ci precedette al galoppo per avvisare del nostro arrivo, gli altri cinque ci scortarono fino alle porte della città. Agatha ed Odo ci lasciarono per tornare a Waterdeep, avevano portato a termine la loro missione, mentre Etihw e Nam si sarebbero fermati a Mirabar fino alla fine dell’estate, durante questo periodo si sarebbero uniti alla Asce, in inverno gli attacchi degli orchi diventavano sempre più frequenti. Continua a leggere 27 Ukthar, 1358 DR – Le Asce di Mirabar