Artorias Dacien

Nessuno lo sa, nessuno probabilmente nemmeno se lo potrebbe aspettare.

Ieri sera ho rischiato seriamente di morire, ricordo solo che siamo stati accerchiati da una decina di guardie, e che ancora prima di poter reagire una di queste mi ha colpito talmente forte da farmi svenire a terra.

“È finita”, dissi tra me e me prima di accasciarmi al suolo.

Non so di preciso quanto tempo passai sdraiato e morente sulle umide assi della locanda di Jhaele, ma so che ad un certo punto, anche se i miei occhi erano chiusi, vidi una sfocata immagine che non riuscii ad identificare. Fasci di luce si disperdevano verso ogni direzione, una enorme creatura indefinita volteggiava con incredibile grazia e maestosità nei meandri della mia mente emanando radiosità e calore da ogni parte del suo corpo.

“O sono morto, o sono impazzito,” pensai.

Immediatamente dopo sentii un dolore immenso, poi un forte calore. I miei pensieri, dal vagare indisturbati nei più remoti luoghi del mio cervello si ritrovarono finalmente in superficie. Spalancai gli occhi.

Ero vivo.

Passai una notte tormentata, alternavo momenti di calore insopportabile a momenti di freddo artico. Mi giravo e rigiravo nel letto. Nelle poche ore di sonno che mi sono state concesse quella notte continuai a vedere quella maestosa e strana creatura che sognai alla locanda, mentre quando non riuscivo a dormire continuavo a torturarmi pensando: “Se nemmeno riesco a proteggere me stesso, come posso sperare di poter proteggere i miei compagni?“.

Fu un inferno.

Inspiegabilmente mi risvegliai la mattina fresco come una rosa. Mi sentivo come nuovo, come se qualcosa fosse cambiato in me, come se tutto ciò che avevo passato il giorno prima non fosse neanche successo. Mi alzai dal letto per indossare la mia armatura di maglia, mi tolsi la tunica da notte e passai davanti allo specchio. Fu in quel momento che vidi ciò che mai mi sarei aspettato di vedere: scaglie. La parte in alto a destra della mia schiena era ricoperta da scaglie che si mischiavano con la mia pelle, erano di uno strano colore che potrei descrivere tra il marrone scuro e l’arancione; curiosamente non mi dolevano, anzi quella parte del corpo sembrava diventata molto più resistente del normale.

“La maledizione dei dragoni!” pensai. Avevo studiato di quell’afflizione in uno dei tanti libri della biblioteca di Suzail. Ero conscio che ciò che mi è era accaduto non era una cosa che capita senza un giudizio o senza un senso. È qualcosa che si tramanda di generazione in generazione, una goccia del sangue di qualche drago ha circolato nel sangue di centinaia di miei predecessori, fino ad arrivare a me. Si diceva che molte famiglie cormyreane ne fossero affette, ma la peste del drago non veniva divulgata come un merito, era piuttosto la stigmate di un patto ancestrale che qualcuno faceva risalire addirittura al Culto del Drago.

Sapevo quello che dovevo fare.

“Devo assolutamente trovare quel bastardo di mio padre!” grugnii.

Terminai di vestirmi e raggiunsi gli altri, deciso come non mai a nascondere questa mia discendenza fino a quando non avessi ottenuto più informazioni.

 

 

24 pensieri riguardo “Artorias Dacien”

  1. Sessione di PX pesanti, del resto non si è testimoni tutti i giorni della manifestazione di una divinità. Come un’esperienza del genere possa cambiare l’animo di una persona sta a voi decidere. Qualcuno potrebbe ritenerlo il segno che cercava per trovare un nuovo percorso di redenzione; qualcun altro potrebbe pensare che, dato che gli Dei adesso sono in terra, nessuna differenza corra tra umano e divino. È possibile quindi diventare un dio?
    Cosa contengono veramente le Tavole del Destino? È la fine di un’era?

    Sessione 10 Settembre: 696 PX

    "Mi piace"

  2. Sessione 4 Gennaio: verrebbe da dire “quanto tempo hai perso, senza giocare”, e invece preferisco rimarcare “meno male che hai cominciato!”.
    Il tuo rpg migliora di sessione in sessione, l’impegno c’è sempre stato. La carriera da DM è alle porte. Avanti così!
    PX 1168

    "Mi piace"

  3. Sessione 14 Gennaio: per un momento ti è mancata la solita risolutezza, credo perché temessi di perdere il personaggio. Ma si può un paladino tirare indietro nel momento del bisogno? Questa era nelle vecchie edizioni il tallone d’Achille della classe, in quanto giocare un personaggio senza macchia, né paura è molto difficile. Il paladino vero non vacilla mai di fronte al dovere e al suo giuramento, costi quello che costi. Alla fine hai comunque sorpassato la prova. Puoi aggiungere una nuova abilità ad Artorias, ha sempre vantaggio a salvarsi da paura, del resto se ha affrontato un’incarnazione, difficilmente si farà spaventare da altro. PX 2951

    Piace a 1 persona

  4. Ciao Mattia, il mattino dopo la morte di Torm, Artorias parte alla volta di Suzail a cavallo dell’ippogrifo che ha salvato. Arrivato alla capitale andrà immediatamente a informare i suoi superiori di quanto accaduto a Tantras, Qui chiederà informazioni riguardo le tavole del destino e Waterdeep, ( per quale motivo Ao ha creato le tavole, per quale motivo una di esse si trova a Waterdeep e per quale motivo un Eco magico sta richiamando in quella città tutti i grandi Maghi. ) Dopo aver ricevuto queste informazioni incontrerà Victor per le vie della città e lo aggiornerà di quanto accaduto a tantras, nella speranza che le sue conoscenze tra le gilde dei sussurratori lo portino a rivendere queste informazioni per ottenere notizie fontamentali. Fatto ciò Artorias volerà nella sua città natale, Bogbrook, per salutare la madre Dianne e per ricevere informazioni riguardo suo padre. ( per quale motivo è scappato, per quale motivo la maledizione del dragone lo ha colpito e dove può trovare suo padre). Ricevute queste informazioni tornerà a Sudzail per incontrarsi con gli altri membri del gruppo, caricherà sul suo ippogrifo Lord Daezen e si dirigeranno più in fretta possibile a Waterdeep per fermare l’avanzata di Bane. Viaggiare separati servirà ad Artorias e Daezen ad essere a Waterdeep prima possibile per essere sicuramente già in città nel caso si manifesti Bane anticipatamente. (dopo le vicende di Tantras Artorias pensa alla salvezza dei reami e ad adempiere al suo dovere di cavaliere più che all’amicizia.) FINALE : Artorias e Daezen si danno appuntamento con gli altri membri del gruppo in una locanda di Waterdeep.

    "Mi piace"

  5. Il tuo racconto parte da una presa dall’alto della città di Suzail (non citare nulla della separazione dalla Compagnia, quella la passo a Cubi). Il grifone ti permette di raggiungere la capitale il 24 Ches. Caricato con te sull’ippogrifo ovviamente c’è il fedele Vlastimir. Giunto a destinazione puoi scrivere uno o più paragrafi come segue:
    a. dopo aver incontrato maestro Tardalus (vatti a vedere la descrizione del post di Dragotha, il maestro è più giovane, ma l’impronta è quella), avendo ricevuto notizie da te, puoi recarti al cospetto di Vangerdahast, consigliere di re Azoun e capo del Consiglio dei Guerramaghi. Vengerdahast è una specie di Gandalf come carattere: gentile, ma brusco all’occorrenza essendo pieno di problemi da risolvere al momento. Capisce però l’importanza della vostra missione e si congratula per il tuo valore. Venendo a sapere che in te scorre la maledizione del drago ti da un elisir in grado di ritardare gli effetti della malattia. Ti lascia poi una lettera di presentazione per Khelben Bastone Nero Arusun, al quale potresti rivolgerti per aiuto una volta a Waterdeep.
    http://it.ldf.wikia.com/wiki/Khelben_%22Bastone_Nero%22_Arunsun
    In termini di gioco è una ricompensa in PX: questo paragafo vale dagli 800 ai 1700 PX a seconda di come viene sviluppato.
    b. Tardalus non può fornirti informazioni perché ormai ne sai più tu di quello che sta accadendo, la notizia della morte di Torm lo sconforta, ma dice che l’Inquisizione sopravviverà anche a questo sconvolgimento. Ti porta allora ad una segreta, e ti mostra un globo invitandoti a scrutarci dentro. Il globo di cristallo ti mostra una scalinata dorata fatta di scalini magici che dal Monte Waterdeep sale in cielo, la riconosci e riconosci Helm il dio guardiano ai suoi piedi.
    http://forgottenrealms.wikia.com/wiki/Mount_Waterdeep
    Poi vedi la tua figura correre sui gradini all’inseguimento di una figura ammantata, è Bane o la donna, Mezzanotte, di cui Logan ti ha sempre parlato?
    Questo intermezzo vale dagli 800 ai 1300 PX
    c. Voli a casa. Tutto lo sviluppo di questo incontro dipende da te in quanto backgrund di Artorias. Una volta completato l’incontro torni a Waterdeep e, se trovi Dazaen (decisione tua e di Biso, non so se vuole/ha tempo di giocare quando ripartiremo) voli verso Waterdeep, dove l’eco magico ha richiamato non solo i maghi, ma anche numerosi pellegrini che attendono la fine del mondo. Il paragrafo si chiude con te che entri nella famoso Portale Sbadigliante.
    http://forgottenrealms.wikia.com/wiki/Yawning_Portal
    Questo paragrafo vale dai 1300 ai 2500 PX.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Nonostante, nella vita reale, i protagonisti di questo blog abbiano un'occupazione, abitudini sane ed interessi culturali, essi amano indossare una maschera e, periodicamente, oltre la porta della fantasia, cimentarsi con intrighi politici, tesori nascosti, tombe di famigerati stregoni e quanto di più bizzarro vi possa venire a mente. Qui si narrano le vicende delle loro Compagnie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: