Archivi categoria: g- Flamerule (Lug)

26 Flamerule, 1356 DR – Il segreto di Paula

Il capitano mi aveva avvertito che tra meno di un’ora saremmo stati in vista del porto di Nethjet. Ero a casa. Era giunto il momento.
Mi feci prestare un rasoio da uno dei marinai con cui avevo scambiato qualche parola durante la traversata, il suo era stato uno sguardo pieno di interrogativi, ma il mio aspetto o forse il tono categorico della mia voce lo aveva disincentivato dal porre ulteriori domande.

24 Flamerule, 1356 DR – Scalo a Emmech

Il mio viaggio prosegue e non sempre il percorso che il destino ha scelto per me è piacevole e sicuro, ma ormai direi che ci sono anche un po’ abituata. Stavolta la piccola nave comandata dal capitano Anthinus (gran brav’uomo, ma un po’ incline ai piaceri del bere) ha fatto scalo nella città di Emmech e per me non poteva scegliere posto peggiore. Se ci fosse un perfetto esempio della guerra tra cane e gatto, direi che potrei tirar fuori la guerra continua che si fanno Thay e questa piccola città. 

21 Flamerule, 1356 DR – La Mascella di Drago

Quando sono stata costretta a lasciare la mia terra e le persone a cui tenevo di più il mio viaggio è stato rapido, fatto di passi veloci, cappuccio sempre alzato a nascondere la mia testa, sguardi furtivi e mance sottobanco per sorvolare sulle mie fattezze (non avevo ancora avuto modo di esercitarmi nell’affascinante arte della mutazione). Ora che tornavo di nuovo la dove tutto era iniziato la mia postura e i miei occhi erano diversi, fieri e alti, pronti ad affrontare quello che mi aspettava. Questo il motivo che mi spinse a guardare in alto e a trovare uno degli spettacoli più belli che abbia mai visto: il tramonto era prossimo, il sole era pronto a calare dietro alla Mascella di Drago, uno dei complessi montani più estesi del territorio e i riflessi del sole si proiettavano sulle pareti rocciose creando dei fantastici giochi di luce. 

20 Flamerule, 1356 DR – Kloi, Capitano di Tyr

Ho evitato di scrivere, ho riletto le mie parole e mi sono convinto che stavo piombando pericolosamente nei miei pensieri, nel profondo, lasciandomi la luce alle spalle. Ho messo in pausa i miei giudizi aspettando questo giorno. Sono stato accolto calorosamente da Lord Deren che ha attentamente ascoltato il mio racconto. Non mi sono aperto con lui sui miei dubbi, ho fatto alcune delle domande che mi frullano nella mente. 

Continua a leggere 20 Flamerule, 1356 DR – Kloi, Capitano di Tyr

19 Flamerule, 1356 DR – Le spezie di Telflamm

Terra, non ne potevo più dell’ondeggiare continuo di questa maledetta nave. Ho passato gran parte del viaggio chiusa nella mia minuscola cuccetta a meditare e studiare quel poco che la nausea mi ha consentito. Il capitano della nave ha detto che sarebbe stato meglio se non mi facevo troppo vedere sul ponte, si sa che i marinai non hanno un buon rapporto con le donne a bordo, quindi mi ha caldamente suggerito di tenermi alla larga. Sarei curiosa di sapere se avrebbe detto la stessa cosa a Meena…

9 Flamerule, 1356 DR – Il tempo che passa

La mano buona di Tyr ci ha accompagnato. Si è alzato il vento spingendoci desiderosi verso la riva, finalmente rivediamo Yahunn in lontananza. Diversi membri dell’equipaggio mi hanno donato quel poco che avevano per ringraziarmi dell’aiuto. Ho unito, in un lunga spirale che ho legato al braccio sinistro, i ciondoli, bracciali, piccoli oggetti lavorati in legno durante le lunghe notti in mare..ne farò tesoro portandoli con me perché la vita di tutti noi è congiunta. Mi hanno aiutato a non pensare alla confusione che però rimane fissa nella mia mente. 

8 Flamerule, 1356 DR – Sul fiume Lis

Le parole scorsero fluenti durante il nostro incontro ma scivolarono via dalla mente come la sabbia di Yahunn tra le mie mani. Pensai di essere stato soggiogato da una sorta di maleficio, i miei ricordi sono vaghi. Consegnai la lettera all’Alto Usurpatore che mi chiese di seguirlo attraverso un lungo corridoio oscuro dove zone di nerissima ombra s’intervallavano dopo pochi passi a zone d’intensa luce proveniente da lucernai posti a circa una decina di metri sul soffitto in pietra. Ricordo la sua mano sulla mia spalla, gli occhi neri stretti, profondi fissi nei miei il suo sorriso intervallato da luce ed ombra percorrendo il corridoio. Man mano che camminavamo l’ombra che colpiva il suo viso spigoloso, quasi flettendosi, si muoveva deformandosi, come una pozione alchemica vortica in una soluzione di elementi che si attraggono e mi sembrò che in fine venisse come assorbita trovando ristoro nella pallida pelle prima di cedere spazio alla luce…e poi ombra…e poi ancora luce. Non so quanto di questi miei ricordi possano essere realtà e quanto suggestione del momento o anche illusione. Sentivo avvolgermi dal suo mantello strisciante quando arrivammo alla fine del corridoio dove era posta, in corrispondenza dell’ultimo lucernaio, una teca di vetro. All’interno del contenitore erano custodite delle reliquie riportanti il simbolo della mano di Tyr.

Continua a leggere 8 Flamerule, 1356 DR – Sul fiume Lis

7 Flamerule, 1356 DR – L’Alto Usurpatore di Mulmaster

Nuovamente in viaggio, siamo sul fiume Lis placidamente accompagnati dalle sue rive puntando verso il mare di casa. Sarebbe bello se per la vita, come su questa barca che scivola sul fiume, ci fosse qualcuno per noi ad accompagnarci. Qualcuno capace di afferrarci per mano e di trovare quel fiume immaginario o inventarlo magari e trasportarci nella sua corrente posandoci con leggerezza alla meta. Invece il mio viaggio mi ha fatto scoprire un senso di solitudine e una sensazione di abbandono in un groviglio di cunicoli oscuri dove tutto si intreccia e la trama diventa indistricabile. Tutto è nero. Tutto è bianco… e nulla lo è davvero. Non è che la vita vada come tu te la immagini, non è come questa nave sul fiume, fa la sua strada, la vita, ma poi ci sono certi incroci in cui sembra che tutto sia stato posto esattamente in quel modo affinché tu fossi lì in quel momento e a questo perverso gioco hai partecipato anche tu con le tue decisioni e le tue azioni. Sono uno sbiadito filo della matassa, forse sono un filo bianco o forse un filo nero ma sono indistinguibile da tutto il resto.  

6 Flamerule, 1356 DR – Sotto una coperta nera

Il seguente brano è tratto dal registro regio, dove è trascritta la conversazione avvenuta tra Sua Maestà re Azoun IV, il Gran Maestro dei guerramaghi Vangerdahast e Shaerl Rowanmantle Amcathra, Signora di Shadowdale, presso Suzail, capitale del Cormyr. In essa si narrano le preoccupazioni per il conflitto in atto nelle Valli.

 

Capitano occasioni nelle quali si commettono atti di cui non si può andare orgogliosi, dei quali non si farà parola ai propri figli fino all’età adulta. Questa sarà probabilmente una di quelle volte, ma se il fine giustifica il mezzo, vi chiedo di nascondere al cuore quello che le Vostre orecchie udranno.
Nei viaggi al fianco del mio consorte, sono stata diretta testimone della condotta sconsiderata di alcuni governatori che amministrano le Valli, e solo la virtù di pochi ha permesso di ritardare l’evolversi di una situazione esplosiva. Nonostante l’impegno di questi valorosi, oggi le Valli sono in fiamme.

5 Flamerule, 1356 DR – Zachary Bumblerose, ufficiale!

Il giorno 13 Kythorn ero nuovamente a Tilverton, dove l’Alto Prete Gharri di Gond, protettore degli artigiani, carpentieri e fabbri, cercava all’interno del consiglio provvisorio di mantenere l’indipendenza della città. Lady Rowanmantle, saggiamente glielo consentiva. Questo calmava gli animi degli abitanti. Ma Tilverton era ormai occupata militarmente e molti quadri del Cormyr si erano già insediati nelle sue istituzioni. Si sarebbero presto rassegnati all’annessione, perché Hokka non lo avrebbe fatto e tantomeno lo avrebbe fatto re Azoun IV.
In una cerimonia solenne, in cui si fece il saluto delle armi ai caduti, la mia squadra ricevette una menzione d’onore, io divenni ufficiale con il grado di luogotenente e come ricompensa per aver ucciso l’Araldo, mi vennero consegnati i suoi guanti, vera fonte della sua forza.
Nello stesso momento, cessai di fare parte della guardia personale di Thomdor. Il Barone mi congedò affermando che ci saremmo rivisti se e quando la mia disciplina avrebbe uguagliato la mia fortuna.