Damon CalenLass – RIP

28 Mirtul, 1314 CR

Dalla ormai disabitata regione boschiva di Cormanthor, oltre i Picchi Tuono, una compagnia di elfi decise di lasciare la propria terra e di partire, come i loro fratelli anni prima, verso la costa, per salpare e lasciare Faerun. Tra i membri del gruppo vi era Gildor CalenLass, originario di Alberi Intrecciati. Lungo il tragitto giunsero nei pressi di Evenigstar, ove decisero di sostare qualche giorno nei pressi del Bosco delle Ombre. Qui Gildor incontrò Viola Greenfield, una splendida ragazza umana, intenta a raccogliere erbe per il suo negozio. I due si innamorarono a prima vista. Quando per la spedizione elfica fu tempo di ripartire Gildor decise, malgrado le insistenze dei suoi affini, di restare a fianco dell’amata.

Il fatto che un elfo si fosse stabilito a Eveningstar destò non poco scalpore, ma presto i cuori degli abitanti si rassenarono, quando l’unione generò due bambini: Damon e Alice. Le gemme di Eveningstar ci chiamavano, per la nostra rara bellezza.

Damon CalenLass

 

Nacqui il 28 Mirtul del 1314 CR (1339 DR),  sotto il segno della Lancia, come primogenito della coppia. La mia infanzia trascorse tranquillamente, aiutavo mia madre nel suo negozio di erbe e mio padre mi insegnava ciò che sapeva del bosco, narrandomi storie e leggende del suo popolo. Crescendo però, trovavo sempre più piacere nell’usare le mie abilità per prendere per il naso la gente. Iniziai a Eveningstar con qualche furtarello, quindi presi a camuffarmi fingendo di essere qualcun’altro. Di tanto in tanto mi recavo ad Arabel, ogni volta con un aspetto differente, solo per il gusto di ingannare chi si parava sulla mia strada, guadagnare qualche moneta e darmi ai piaceri e agli svaghi della città, il tutto all’insaputa dalla mia famiglia.

Il mio diciassettesimo compleanno andai nel bosco in cerca di erbe per mia madre. D’un tratto sentii il canto di giovani fanciulle e, attratto dal dolce suono, giunsi in una radura tra gli alberi dove nove ninfe mi stavano aspettando. Erano completamente nude e avevano le fattezze di donne dalle forme sinuose, probabilmente le creature più belle del mondo. Una ad una si avvicinarono e mi spogliarono. Lascio alla vostra immaginazione ciò che avvenne in seguito…

Al termine dell’amplesso diversi simboli si illuminarono sul terreno e una grande luce mi accecò. Quando la luce si affievolì, l’imponente figura di una donna dalle sembianze di fata, vestita di bosco, si palesò di fronte a me. Disse di essere Titania, la divinità degli esseri fatati. Ero in estasi: una sensazione di appagamento totale , mai provata prim,a mi pervadeva. La regina Titania mi chiese di stringere un patto con lei e io, incapace di ragionare, accettai senza pensarci. Allora ella strappò un ramo dal suo vestito e lo lasciò cadere, questo prese vita e divenne un segno indelebile sulla mia pelle. Disse che era il simbolo del mio impegno nei suoi confronti. Guardandomi un’ultima volta negli occhi, mi salutò e sparì in un turbinio di luci. Svenni. Quando ripresi i sensi ero solo, mi sentivo euforico e percepii di avere nuovi poteri.

Da quel giorno qualcosa in me è cambiato, la voce della mia regina mi parla nella mente e vedo spesso esseri fatati nei miei sogni; così, per mescolare il sogno con la realtà, ho cominciato a fare un largo uso di alcolici e di erbapipa. Credo che la mia famiglia sospetti che sia diventato pazzo, a giudicare da come mi scrutano quando, ubriaco, rientro a casa.

Pensandoci bene, forse, il Damon “innocente” del passato non era poi così male.

 


23 Nightal, 1332 CR

Era ormai ora di cena quando ci fermammo ad allestire l’accampamento per la notte. La luce del sole, soffocata dai fiocchi di neve e dalle nuvole grigie durante tutta la giornata, si era spenta ormai da qualche ora.

Seduto vicino al fuoco fumavo le ultime scorte di erbapipa pensando a ciò che Logan e Artorias ci avevano riferito: “Gli Dei camminano tra di noi”. Giungemmo tutti alla conclusione che Lady Mezzanotte era nientepopodimeno che Mystra, Divinità della magia. Qualcos’altro però ardeva dentro me, dandomi la giusta motivazione per proseguire fino a Suzail in cerca di informazioni: il pensiero che la Regina delle Fate camminasse tra gli uomini.

“Devo trovarla,” mi dissi.

Dopo aver cenato Lord Dazaen e Dave parlarono dei programmi del giorno successivo, secondo loro avremmo raggiunto Immersea. Mi coricai mentre qualcuno montava la guardia. Fui svegliato qualche ora dopo da Dave: “è ora che tu faccia la tua parte Damon!”

Uscii dal mio sacco a pelo e mi preparai, non avevo voglia di discutere col chierico. Il cielo si era schiarito, lasciando spazio ad un’infinità di stelle e nessun rumore, a parte quello del vento, disturbava la quiete dell’accampamento. Presi fuori la bottiglia di riserva, la agitai e con grande sorpresa sentii il rumore di un liquido all’interno: “Di lusso!” mi dissi.

Bevvi con avidità il liquore. Guardai le stelle. Erano leggermente verdi e iniziarono a vorticare lasciando dietro di loro una scia luminosa, facendo cadere su di me una strana polvere…

Il liquore era più forte del previsto, “Di gran lusso…”

Improvvisamente una delle stelle si staccò dal circolo e la vidi muoversi verso il bosco. La seguii, incapace di controllare il mio corpo. Camminavo tra alberi secolari avvolti da nodosi rampicanti, mentre sopra di me pezzi di cielo stellato erano visibili tra i nudi rami, come un grande mosaico. Seguendo la verde luce nel fitto del bosco arrivai ad una piccola radura circolare. Lì numerose fate ruotavano vorticosamente, al centro di questo turbine qualcosa brillava di verde.

“Ciao Damon. È da tanto che aspetto di incontrarti.”

“Chi sei?”

“Che c’è? Non riconosci la mia voce? Eppure ci vediamo moolto spesso!”

“Un momento, D-Daffy?”

Daffy

Il vortice di fate si interruppe ed esse si schierarono alle spalle della verde luce, che un attimo prima racchiudevano.

“Esatto! Sono proprio io!” disse Daffy con un sorriso.

“Cosa succede? Io pensavo esistessi solo nei miei sogni.”

“Ti sbagli Damon, nei sogni che hai avuto finora sono stata al tuo fianco per guidarti. Ma ora la nostra Regina Titania ha deciso di inviarmi a te come dono, per esserti d’aiuto.”

“Ma è fantastico! Ora però credo che dovremmo tornare all’accampamen…” svenni.

 

Quando mi svegliai mi trovavo sdraiato nel mio sacco a pelo. L’alba era ormai arrivata da un’ora. Dave mi rimproverò: “Poteva finire male Damon, la prossima volta almeno sveglia qualcuno che prenda il tuo posto!”

Mi alzai, chi mi avesse guardato per bene avrebbe probabilmente pensato che non avessi chiuso occhio tutta notte. Ci mettemmo in cammino verso Immersea. Ero talmente frastornato che non capivo se la voce di Daffy mi parlasse nelle orecchie o fosse nella mia testa. Non smetteva di parlare un secondo. Non la vedevo, ma lungo il tragitto qualcosa di leggerissimo ed invisibile si era posato sulla mia spalla e un ronzio di parole mi frullava nella testa provocandomi una gran emicrania. “Comincio a pensare che questo non sia un dono, ma una maledizione!” dissi tra me e me.

13 pensieri riguardo “Damon CalenLass – RIP”

  1. Per la mia esperienza è stata una sessione atipica, simile a quelle che si fanno a casa piuttosto che in club. Ho molto apprezzato la volontà e l’apertura sulla parte di interpretazione e narrazione. Tra tutti questo giro ho preferito Paddi, che ha avuto l’idea di passare a casa dell’incantatrice piuttosto che avventurarsi direttamente nei dintorni di Eveningstar senza avere un indizio in mano. Lauro è stato coerente col suo PG, e ci ha permesso di costruire un po’ del suo background. QB ha avuto il coraggio di rimanere fuori dai giochi e questo mi ha dato lo spunto per improvvisare e introdurre un nuovo NPG, cosa che non era prevista se non più avanti.

    Vediamo cosa succederà la prossima volta.
    PX: 30

    "Mi piace"

  2. Sessione dell’8 Giugno 2017: PX 48

    In generale mi trovo molto in sintonia con quello che mi pare essere il vs stile di gioco. Per quello che ho capito fino ad ora vi piace molto interpretare il personaggio, mentre i combattimenti, specie quelli lunghi, tendono ad annoiarvi.
    È un po’ un problema delle edizioni successive alla seconda quello della proliferazione dei punti ferita. Per darvi un’idea una volta solo le classi “guerriere” potevano ottenere più di 2 punti ferita a livello per alta Costituzione e, arrivati al 9°, si smettevano di tirare dadi vita e percepire bonus costituzione; si aggiungevano invece 1, 2 o 3 punti ferita . Così un guerriero del 10 poteva avere molto facilmente 65 ferite, un chierico 45, un ladro 30/35 e un mago 20. Ovviamente si parla di PG non barati. Anche i mostri avevano meno vita.
    Il danno tuttavia era simile, ne consegue che si otteneva meno la sensazione di un borioso esercizio di tiri di dado e i combattimenti filavano via più spediti. Altra complicazione, dalla terza in avanti è stato l’uso della griglia nei combattimenti, che introdusse un gioco nel gioco e per fortuna è diventata opzionale alla 5a.

    La filosofia nel tempo è cambiata, ma mi pare che il gusto dei giocatori, anche della vostra generazione, sia affascinato dall’idea di sfida, di gioco a dadi con la morte, piuttosto di una sempre presente garanzia di “sfangarla” in qualche modo (una volta a 0 HP si moriva e basta, idem se sbagliavi un Tiro Salvezza contro veleni, i non morti ti risucchiavano i livelli, un vampiro 2 a botta; per avanzare al 20° livello ci volevano 3 milioni di PX). Insomma, voi non lo sapete, ma hanno addolcito la scalata e non di poco.

    Mettendovi faccia a faccia coi dadi (quindi nessun tiro dietro lo schermo) e col rischio reagite bene, segno, a mio parere e di questo avevo bisogno di conferma, che quella rete di protezione che hanno costruito attorno “millenials”, anche nei gdr, non sia sempre così cercata e desiderata. Nel momento in cui il giocatore sente di essere forzosamente graziato dal DM o dal gioco, cade, a mio parere, quel patto tacito che si instaura per dare una verosimiglianza ad un alter ego e scema l’interesse del giocatore. Solo uno su tanti ce la fa, prova ne è stato il povero Lurin, i pericoli diventano reali e i luoghi più misteriosi e oscuri. A mio parere ci penserete due volte prima di sfidare a cuor leggero le Sale Infestate, sapendo che non tutti i pericoli sono a misura del livello del vs personaggio.

    Punto finale di questo commento è il seguente: le difficoltà aguzzano l’ingegno, personaggi che girano senza armi da tiro o lancio, che ingaggiano mostri e non valutano la fuga, che non prendono in considerazione la possibilità di parlare e parlamentare in un gioco d ruolo hanno sempre, nei tempi in cui mi sono fatto le ossa io, avuto vita breve. Per questo, per mettere a prova il vs intelletto e i vs personaggi, mettiamo in scena un mondo ostile e non tarato su misura. Questo è lo stile “old school”, forse ne avrete sentito parlare.

    Da voi mi aspetto sempre dialoghi in prima persona, aiuto a creare atmosfera e fantasia a profusione.

    "Mi piace"

  3. Sessione forse un filo sotto-tono, ma può darsi ci siano state anche meno possibilità di fare rpg rispetto agli altri. Ad ogni modo ti ho riconosciuto un extra per il grande impegno dimostrato fino ad ora. Si vede che il personaggio ti piace, e lo stai arricchendo di volta in volta. Per ora il più dettagliato del gruppo senza ombra di dubbio. Premio sessione 31 Settembre 2017: 265 PX

    "Mi piace"

  4. Sessione di PX pesanti, del resto non si è testimoni tutti i giorni della manifestazione di una divinità. Come un’esperienza del genere possa cambiare l’animo di una persona sta a voi decidere. Qualcuno potrebbe ritenerlo il segno che cercava per trovare un nuovo percorso di redenzione; qualcun altro potrebbe pensare che, dato che gli Dei adesso sono in terra, nessuna differenza corra tra umano e divino. È possibile quindi diventare un dio?
    Cosa contengono veramente le Tavole del Destino? È la fine di un’era?

    Sessione 10 Settembre: 542 PX

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Nonostante, nella vita reale, i protagonisti di questo blog abbiano un'occupazione, abitudini sane ed interessi culturali, essi amano indossare una maschera e, periodicamente, oltre la porta della fantasia, cimentarsi con intrighi politici, tesori nascosti, tombe di famigerati stregoni e quanto di più bizzarro vi possa venire a mente. Qui si narrano le vicende delle loro Compagnie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: