Archivi tag: Vangerdahast

2 Flamerule, 1358 DR – Il patto

Credevo che tornare a casa di mio padre mi avrebbe portato una maggiore tranquillità dopo il terribile periodo della guerra del Sottosuolo, ma così non fu.

La corte dei Truesilver mi accolse come l’eroe che avevo dimostrato di essere, dopo anni di scetticismo verso il figlio bastardo, per giunta mezzelfo, del capofamiglia. Ma ora che sarei passato alla storia come uno dei più grandi eroi del casato e del Cormyr, tutti alla corte dei Truesilver avevano sguardi di ammirazione invece di quei taglienti occhi che trasudavano disgusto e pietà per un impuro.

Finalmente ero l’orgoglio che mio padre desiderava da sempre: divenni un trofeo da esibire e da portare in parata o in battaglia. Durante la caccia a un gruppo di pirati, bastò che si spargesse la voce della mia presenza su una delle navi dei Truesilver perché i criminali si arrendessero, consegnandosi alla guardia di loro spontanea volontà. Continua a leggere 2 Flamerule, 1358 DR – Il patto

1 Mirtul, 1358 DR – La cura

Al cantar degli uccelli mi svegliai, fu poco dopo il primo pasto mattutino che bussarono alla mia porta.

“Tenente Dacien, siete atteso al cospetto di Vangerdahast, capo del Consiglio dei Guerramaghi.”ululò il dragone purpureo.

Dopo tanta attesa finalmente avrei incontrato il Primo Consigliere di re Azoun, mi preparai meticolosamente e mi incamminai con il soldato verso il Palazzo Reale.

Man mano che percorrevo la scalinata che conduceva alla sala centrale la figura di un uomo si palesava dinnanzi, seduto e con lo sguardo rivolto verso di me: Vangerdahast era un anziano, la barba lunga fino il collo e i bianchi capelli perfettamente pettinati, omogenei alle folte basette. Ciò che più di ogni altra cosa risaltava in lui era lo sguardo severo e indagatore, che nulla aveva a che vedere con quello tipicamente bonario di un attempato signore. Incuteva naturalmente timore e rispetto. Continua a leggere 1 Mirtul, 1358 DR – La cura

6 Tarsakh, 1358 DR – Sospetti

Nonostante le promesse del maestro Tardalus, ancora non ero stato chiamato a corte per conferire con il saggio Vangerdahast. Mi ero completamente scordato delle lungaggini burocratiche della capitale, di come, in fin dei conti, per ottenere qualcosa fosse meglio pagare o essere agganciati alla giusta famiglia, piuttosto che dimostrare il proprio valore.

Pazienza, Artorias, devi imparare la pazienza. “ diceva il mio maestro, ma nonostante quelle parole rassicuranti la notte mi rigiravo nel letto, come gli infermi colpiti da pesanti febbri traumatiche.

Come potevano essere quei politicanti così ciechi? Tranquilli nei loro talami, persi a vergare parole sui registri regi, dimentichi che il mondo, ignoravano che la civiltà rischiasse un nuovo inverno. O forse no, forse ne erano ben consci e lo desideravano? Continua a leggere 6 Tarsakh, 1358 DR – Sospetti

24 Ches, 1358 DR – Il ritorno di un vero paladino

“Non è finto il destrier, ma naturale,
ch’una giumenta generò d’un Grifo:
simile al padre avea la piuma e l’ale,
li piedi anteriori, il capo e il grifo;
in tutte l’altre membra parea quale
era la madre, e chiamasi ippogrifo;
che nei monti Rifei vengon, ma rari,
molto di là dagli aghiacciati mari.
Quivi per forza lo tirò d’incanto;
e poi che l’ebbe, ad altro non attese,
e con studio e fatica operò tanto,
ch’a sella e briglia il cavalcò in un mese:
così ch’in terra e in aria e in ogni canto
lo facea volteggiar senza contese.
Non finzion d’incanto, come il resto,
ma vero e natural si vedea questo.” – Orlando Furioso di Ludovico Ariosto (Tomo Primo)

Interminabili giorni di viaggio passai a cavallo di Iuel Karahd, così chiamai l’ippogrifo che mi permise di fuggire da quell’inferno che era diventata Tantras. Conoscevo bene l’Elfico, pensai quindi che nessun nome fosse più giusto e coerente di “Colui che salva” per la mia fortuita cavalcatura.
Splendenti albe e spumeggianti tramonti ammirai nel cielo, tredici giorni di viaggio non sono pochi, ma nonostante la stanchezza e le poche risorse mantenni sempre la mente fissa verso il mio obiettivo.

Continua a leggere 24 Ches, 1358 DR – Il ritorno di un vero paladino

30 Ches, 1358 DR – Le orme del passato

“Sleale è colui che si accomiata quando la via si oscura.” – Gimli, La Compagnia dell’Anello – J.R.R. Tolkien

Il capitano Bumblerose fermò il cavallo con un gesto pacato delle redini e si strinse al collo il bavero della pelliccia. Scrutò le cime montuose ancora completamente innevate, la primavera avrebbe tardato ancora un mese per giungere sui Picchi del Tuono; il cielo era tuttavia completamente sgombro da nubi rendendo la brezza pungente, come nei primi giorni di Hammer.

– Qualcosa che non va, capitano? – chiese Isha.

Zachary girò lentamente il capo verso la voce che l’aveva chiamato. Nonostante fossero praticamente coetanei percepiva la distanza che lo separava dai contadini messi a forza in sella, perché lo scortassero ad Altocastello. Anche se erano stati equipaggiati decentemente, i giorni di carestia e orrore che avevano colpito Ashabenford erano ben visibili nei corpi magri e negli occhi nervosi di quei ragazzi. Gli ultimi tre sottoposti che gli erano stati affidati non avevano fatto una bella fine, trucidati come maiali nel tempio sconsacrato di Silvanus.

Continua a leggere 30 Ches, 1358 DR – Le orme del passato

27 Hammer, 1358 DR – La morte del Mago

Passarono alcuni giorni di viaggio dopo le strane vicende passate a castello Kilgrave. Ogni tanto non riesco ancora a fare a meno di pensare: “Dannazione, la manifestazione di Helm! Questa volta siamo davvero davanti a qualcosa di grande! Inoltre, il fatto che gli dei camminino in terra, lascia pensare a presagi tutt’altro che positivi.”

A interrompere i miei pensieri era spesso Daemon, che durante tutto il viaggio ha mostrato chiari segni di instabilità mentale. Fortunatamente, Dave l’ha sempre aiutato a ritrovare la ragione perduta. Del resto, mi ci sono voluti pochi giorni per capire che quel ragazzo si lascia troppo andare ai piaceri dell’alcool e dell’erba pipa, probabilmente tutti quegli eccessi gli stanno piano piano dando alla testa.

Continua a leggere 27 Hammer, 1358 DR – La morte del Mago

15 Marphenot, 1357 DR – Dietro il paravento dei potenti

Chainer osservava con interesse i progressi raggiunti nell’edificazione della Casa dell’Oscuro Tiranno; presto il suo successo sarebbe stato completo, quando avrebbe posato il suo profanato deretano sullo scranno, quale Maestro del tempio.

– Guarda Trinchetto! Il tempio di Bane sarà magnificente quanto e più della Torre Ritorta; venendo da est i patrioti di Zhentil Keep troveranno ispirazione nella nostra costruzione, – disse.

Il gigante annuì, torvo come suo solito – Qualcuno non vede di buon occhio il nostro potere estendersi, mio Signore. La sgualdrina del Lord della Valle tutto scruta: i suoi servi invia per spiare, scrivere, annotare.

Continua a leggere 15 Marphenot, 1357 DR – Dietro il paravento dei potenti

6 Flamerule, 1356 DR – Sotto una coperta nera

Il seguente brano è tratto dal registro regio, dove è trascritta la conversazione avvenuta tra Sua Maestà re Azoun IV, il Gran Maestro dei guerramaghi Vangerdahast e Shaerl Rowanmantle Amcathra, Signora di Shadowdale, presso Suzail, capitale del Cormyr. In essa si narrano le preoccupazioni per il conflitto in atto nelle Valli.

 

Capitano occasioni nelle quali si commettono atti di cui non si può andare orgogliosi, dei quali non si farà parola ai propri figli fino all’età adulta. Questa sarà probabilmente una di quelle volte, ma se il fine giustifica il mezzo, vi chiedo di nascondere al cuore quello che le Vostre orecchie udranno.
Nei viaggi al fianco del mio consorte, sono stata diretta testimone della condotta sconsiderata di alcuni governatori che amministrano le Valli, e solo la virtù di pochi ha permesso di ritardare l’evolversi di una situazione esplosiva. Nonostante l’impegno di questi valorosi, oggi le Valli sono in fiamme.