Archivi tag: Bardag

25 Marphenot, 1356 DR – La Mano di Tyr giunge a Shadowdale

Dal Diario di Dazaen Val’Istar:

25 Marphenot, Anno del Verme,

Il fumo non si era ancora diradato e il puzzo del mortifero gas dimorava ancora vigoroso nei polmoni dei miei compagni. Vidi i volti pallidi e le labbra rosse ancora gocciolanti del sangue del cuore della creatura che per poco non li aveva sopraffatti.

Il cacciatore, con un disinteresse che trovo curiosamente apprezzabile, non curandosi del mondo circostante e dei feriti, cominciò di buona lena a fare a brandelli i resti del rettile ormai inerme. Nonostante il monito riguardo l’importanza del tempo in tali circostanze, imperturbabile e disinteressato il cacciatore continuava imperterrito a scuoiare, disossare e sbudellare la nauseabonda carcassa. 

Le coordinate suggerite dall’obelisco erano chiare nella mia mente, ma per risolvere l’enigma avevo bisogno di una carta topografica. Optammo quindi per lasciare Ebeadat al suo lavoro di macelleria applicata e volgere i nostri passi svelti verso un rapido ritorno a Shadowdale.
Continua a leggere 25 Marphenot, 1356 DR – La Mano di Tyr giunge a Shadowdale

25 Alturiak, 1356 DR- Tornare all’inizio per scoprire dove il viaggio ci ha condotti

1331 dalla fondazione di Casa Obarskyr – Anno del Verme, fine inverno.
Rapporto di Zachary Bumblerose, soldato dell’ordine dei Dragoni Purpurei.
Abbiamo trascorso due giorni accampati davanti all’entrata della tomba di Shraevyn. Ellios se ne è andato nello stesso modo misterioso con il quale era venuto. Il suo debito, sciolto.
Non abbiamo parlato molto. Paula e Meena si sono affaccendate per comprendere la natura dei tre rotoli di pergamena trafugati dalla tomba senza grande fortuna: uno conteneva un incantesimo di protezione dal fuoco, gli altri due non sono stati decifrati. A stento mi sono trattenuto dal distoglierle da quell’impegno. La spada avrebbe dovuto essere la priorità. La comprensione della magia infusa negli oggetti non rientra fra le arti di Paula. Quando infine Meena ha acconsentito di esaminare la spada, non ha saputo gettare alcuna nuova luce sul pesante enigma che porto sulla schiena, avvolto in un sacco, celato il più possibile ad occhi indiscreti. Mi è parso che Meena agisse con sufficienza e scarsa attenzione, ma forse mi aspetto troppo da loro. Gli animi sono turbati. D’altronde anche il mio lo è. Reggiamo nelle nostre mani ormai troppi fili che non riusciamo a condurre ad alcuna trama.

17 Alturiak, 1356 DR – Uniti nella bruma su un cammino incerto

All’improvviso un urto, una collisione nell’oscurità. La notte, in tale circostanza alleata, mi permise di celare un’espressione di paura. Un altro tronco colpì la zattera che scivolava, dondolando tra le temibili correnti del fiume nero. L’oscurità avvolgeva tutto, anche i nostri timori. Penso che non fossi l’unico a provare quella sensazione. L’immagine della zattera rovesciata, che decretava un’indegna disfatta, persisteva nella mia mente: il cavallo, Zeke nella sua possente, pesante, armatura e la mia stessa figura che ci inabissavamo, rigidi come macigni. Ma erano solo le mie ansie. La riva opposta era vicina.
In fuga da qualcosa di ignoto ci lasciavamo alle spalle Shadowdale, la valle delle ombre. Ironia della sorte, sorrisi, trovando quel nome calzante alla situazione che stavamo vivendo. Shadowdale, pur non essendoci mai parsa del tutto amichevole,  stava ora mostrando il suo volto più ostile. Eravamo in fuga senza comprenderne le motivazioni; con noi portavamo un cumulo di nomi, fatti, luoghi e segreti intrecciati in una matassa di idee difficilmente districabili.

14 Alturiak, 1356 DR – Una notte molto lunga

 Ancora una volta in fuga… siamo accampati nella foresta al di là del fiume Ashaba ma prima del meritato riposo sarà meglio ricapitolare quanto ci è successo negli ultimi giorni. Finalmente siamo riusciti ad incontrare Drifus il quale, nonostante una certa ritrosia iniziale, ci ha messo al corrente di ciò che stava succedendo. 
Ci ha raccontato di essersi infiltrato nell’esercito della città di Shadowdale e di lavorare in realtà per Lashan, capo della milizia di Scardale. Il compito di Drifus era quello di “tenere d’occhio” Mourngrym in vista di un incontro tra il governatore di Shadowdale, lo stesso Lashan e Randal Morn, personalità di spicco di Daggerdale che si è sempre distinta nella battaglia contro gli Zhentarim. Il motivo dell’incontro segreto era ovviamente inerente a quello che sta succedendo al Nord… Continua a leggere 14 Alturiak, 1356 DR – Una notte molto lunga