Archivi tag: Sherlyn Spearslayer

22 Marphenot, 1356 DR – La bella, la bestia e il mercenario

Come stabilito da Sherlen la Compagnia fa ritorno a Daggerford il 16 Marphenot.

Lucano e Bennet devono adempiere ai doveri della milizia cittadina in occasione della visita del barone Agwain, Signore della vicina regione di Secomber, situata oltre la Gola Ridente. Il mattino del 20 la Compagnia è convocata d’urgenza al cospetto del duca Pwyll. Gli unici ad essere presenti alla chiamata sono Lucano e Max di Nona.

L’incontro avviene nel cortile interno del castello: scortato dai suoi due uomini più fidati, Kelson, il maestro di caccia e Llewellyn, il maestro d’arme, uomo di grande esperienza; il duca informa i presenti della sparizione della sorella, la duchessa Bronwyn. Con grande sorpresa il responsabile dell’accaduto pare sia proprio il barone Agwain che avrebbe rapito la dama, vinto dalla sua straordinaria bellezza. Continua a leggere 22 Marphenot, 1356 DR – La bella, la bestia e il mercenario

6 Marphenot, 1356 DR – Zuppa di cipolla

Ci siamo catapultati in questa locanda non appena  ha iniziato a piovere. Il proprietario, un anziano signore, ci accoglie con un sorriso sdentato che è comunque un sorriso di benvenuto.
Siamo fradici da capo a piedi e l’idea di un pasto caldo e un giaciglio ci martella nella testa da parecchie ore ormai. La specialità della casa è la zuppa di cipolle: io non faccio complimenti e me ne faccio servire cinque mestoli abbondanti. L’uomo –  che di nome fa Tal – è piuttosto ciarliero e comprendo che confidare un segreto a costui è come urlarlo ai quattro venti. Ci racconta che la scorsa notte sei tizi incappucciati – pare fossero pellegrini appartenenti a chissà quale confraternita – hanno sostato qui. Tipi poco raccomandabili a suo dire ma – si sa – il denaro non puzza. Pare siano diretti verso l‘abbazia di Haggash, situata ad un miglio scarso da qui. Naaah, queste sono cose più grandi di noi e il capitano Sherlen ci ha affidato una missione che abbiamo il dovere di portarla a termine. Anche se…

Continua a leggere 6 Marphenot, 1356 DR – Zuppa di cipolla

25 Eleint, 1356 DR – Le cose non sono sempre come appaiono a prima vista

Immaginate di avere fame, tanta fame e di avere diritto solamente a una ciotola di stufato, sono certo che rovisterete nella dispensa, aprirete tutte le panche, fareste la malora, per trovare la ciotola più grande, ma con vostro sommo sconcerto ricordate di trovarvi in una bottega di ditali. 
Mi chiamo Polydoro e questa è Daggerford, dove vivo io, la città dove tutto è piccolo, persino io, che sono un halfling. Gli abitanti di Daggerford, quando sognano, sognano di chiedere permesso e quando ordinano una birra, chiedono una mezza. Una vera pena. Tutto minuscolo, dicevo, tranne la mia fame. Non di cibo è voglia la mia, di cosa non saprei dire, ma scommetterei un centimetro della mia non già svettante altezza che Daggerford non mi ha mostrato tutto quanto sia possibile mostrare.
Waterdeep, quella sì è una città, capace di offrire opportunità ciò a uno spirito arguto come il mio. Perché non correre, allora? Tutti a Waterdeep, lontano da ditali e animi adagiati!

Perché, amici miei, le opportunità vanno sapute cogliere e per questo servono mezzi: denaro, conoscenza e spada.

Continua a leggere 25 Eleint, 1356 DR – Le cose non sono sempre come appaiono a prima vista