24 Hammer, 1491 DR – Non è un paese per Derro

Gracklstugh, la pallottola di sterco del lago oscuro, stimola la curiosità e la scioltezza intestinale del viandante nascondendosi dietro le proprie mura e i propri alti cancelli, aperti sulla sommità e all’apparenza sguarniti. La prima delusione per gli animi più irruenti giunti per dare una rimescolata alla feccia quivi raccolta, viene subito ripagata dalle guardie di pietra, che grazie alle loro abilità innate di divenire invisibili fanno continuamente la loro comparsa quando meno le si aspetta, trasmettendo l’amabile sensazione di essere spiati anche luoghi più impensati.
Caratteristica tipica di questa milizia è la predisposizione alla corruzione. Il possesso di qualche oggetto di pregio, unitamente a un buon eloquio convincente regala con facilità l’accesso alla città.
Non mancate di chiedere del capitano Gorglack, i cui grugniti, inettitudine e bassezza morale vi allieteranno per tutta la giornata.
Nelle strade di Gracklstugh è possibile incontrare – oltre gli intermittenti duergar – derro, quaggoth, ma anche esponenti di razze della superficie giunti per sbrigare i loro affari in questa greppia melmosa.
Al di sopra di tutto ciò, con affaticato sbatter d’ali un drago rosso enorme e adiposo compie le sue lardose evoluzioni.

glom            I top five

  • Abbattere giganti impazziti nella zona del bazar delle lame
  • Arrendersi a Erde Teschio Nero a capo delle guardie di pietra nel castello sul lago e farsi coinvolgere in qualche ossessione complottistica
  • Scambiare due parole col drago Temberchaud e farsi coinvolgere in qualche ossessione complottistica
  • Scambiare una conversazione telepatica con Gartokkar, capo dei portatori della fiamma e farsi coinvolgere in qualche ossessione complottistica
  • Cercare di ottenere il pass per uscire (attività rivolta ai bambini dai 3 ai 12 anni)

Informazioni

La locanda di Wertz. Luogo inospitale, fornito di oste sempre prodigo di false piste e indirizzi inaffidabili, è ideale per immergersi nell’atmosfera miasmatica del principale conglomerato duergar.

glom1

La sala delle sacre pergamene. Nome altisonante per quello che è anche il ricettacolo per le più “altisonantemente” inutili informazioni possibili. Usano le sacre pergamene come carta per pulirsi nelle latrine, consultabili perché lasciate intonse dai duergar (non me ne voglia Brakkolin). Non sanno né di Demogorgon, né di Bafometto o altre informazioni minimamente rilevanti per chiunque.

Tempio di Laduger (Dio dei Duergar) e Tempio di Dirinka (Dio dei Derro), Questi probabilmente sono direttamente di cartone disegnato (male).

Caverna del clan di giganti Cairngorm, guidato da Hgram il parlapietre coadiuvato dagli apprendisti Dorum (il gigante Dandy) e Rihud (il gigante morto. Grazie, lo facciamo solo per la gloria e un vago piacere personale). Promesse, promesse, promesse.

Pericoli e contrattempi

Grave pecca di Gracklstugh è di essere sostanzialmente tranquilla. Il lavoro congiunto di Duergar, Derro e Drago stanno cercando faticosamente di spezzare questo equilibrio. E’ consigliabile avventatezza e irruenza da parte di viandanti e mercanti.
Altro particolare di minore importanza: a Gracklstugh non si respira. I fumi delle fornaci e la mancanza di ricambio d’aria rendono la respirazione estremamente faticosa tanto da dare una piacevole sensazione di avvelenamento già dal secondo giorno. Un incantesimo di lesser restoration può risolvere la condizione e inibirvi gli sviluppi lisergici che il perpetrarsi di tale stato comporta. Evitate i chierici!

Che cosa vedere

I cancelli di Gracklstugh. Rozzi, disadorni, incustoditi. C’è un servizio di nolo sdraio per l’osservazione delle epifanie delle guardie duergar. Non c’è copertura nel caso eventuali desideri espressi rimanessero inesauditi.

Il bazar delle lame. Diligente riproposizione del wargear list del manuale base del giocatore. Nessun vezzo. Nessuna sorpresa. E’ possibile scambiare gemme per monete a prezzo di listino. La delusione soddisfa a pieno le aspettative. Se un rugginofago vi ha sottratto la longsword, qui ne potete trovare un’altra. Se un derro infame vi ha derubato nella notte mescolando funghi soporiferi al vostro pasto della vostra longsword +1 vi attaccate.

glom2

Il castello sul lago delle guardie di pietra. Hanno piacere a vedervi fare la parte della vittima dimessa.

Il solco di Laduger. Gracklstugh è divisa in due da una spaccatura. Avete presente la notte dei tempi in cui esseri di proporzioni e di origine inconcepibili infliggevano alla terra ferite così profonde da risvegliare esseri così antichi da precedere il concetto stesso di tempo e che ora atterriscono e perdono coloro che trovano il coraggio di gettarvi il proprio sguardo? Nulla di tutto ciò. Il solco di Laduger assomiglia più al segno lasciato dal legnetto di un bambino troppo cresciuto intento a scavare una trincea per i propri soldatini che ha dovuto interrompere per correre a cena. Sul fondo si notano i lavori interrotti, forse segno che la cena deve essere stata pesante.

Che cosa cercare

Cercare Derro “The glam Duke” Droki al bazar delle lame vestito di una palandrana scura e di un cappello ricavato da ali di manta e scoprire per chi lavora e quali sono i suoi traffici (prima ossessione di Erde)

glom4

Cercare di reperire informazioni sul “consiglio dei sapienti” Derro, sulle loro trame contro l’egemonia Duergar e sulle forze di cui dispongono nei quartieri ghetto dove i Derro vivono. Voci non confermate vorrebbero a capo del consiglio il sapiente Hans (seconda ossessione di Erde).

Cercare di rivelare a un drago caotico malvagio dilaniatore e inceneritore che ignora di essere un drago caotico malvagio dilaniatore, inceneritore la sua natura senza venirne dilaniati e inceneriti (ossessione di Temberchaud)

Cercare l’ultimo uovo di drago rosso, rubato da due anni dai derro ladri della gilda dei fantasmi grigi (ossessione di Gorglack)

Ricompense e premi

 La ricompensa è sempre la stessa: gloria eterna e un malevole e sempiterno benvenuto nell’ultima città in cui ogni essere senziente penserebbe di tornare, mentre per i più piccini, un bel pass d’uscita.

Premio di consolazione per chi ci ha provato sono le indicazioni per le terre del sogno, altresì nota come la benedetta superficie.

(Sessione X, 31 luglio 2018)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...