10 Uktar, 1292 DR – Regole d’ingaggio

Mi risvegliai sul limitare del crollo della caverna, ai richiami dei soccorritori…l’ingegnere dei nani aveva calcolato bene i carichi delle strutture portanti degli scavi ma non aveva fatto i conti con i sotterfugi dei duergar per impedirci di continuare, evidentemente eravamo vicini a trovare un passaggio per la cava “Eco d’onda” (wave echo cave) e la cosa infastidiva non poco gli abitanti del Sottosuolo.

Dagli attacchi degli orchi del 950 DR nessun nano o gnomo era arrivato così vicino a riportare alla luce le rovine e recuperare la Forgia della fiamma verde e le reliquie contenute nel laboratorio.

Il ritrovamento doveva essere di quelli che segnano le epoche: nani, gnomi e anche i preti di Shaundakul erano tutti alla ricerca di qualcosa. I nani cercavano la Forgia della Fiamma Verde, noi una preziosissma opale nera appartenuta ai clan gnomici da tempo immemore e andata perduta e i devoti di Shaundakul oggetti che i nani avevano preparato per loro: l’armatura “guardiadrago” e la mazza “brandiluce”. Un’alleanza, un patto e un’amicizia era nata tra molti membri di queste tre fazioni.

Nato il 28 di Kithorn del 1253 da famosa famiglia di cercatori di reliquie, avevo ottenuto incarichi di prestigio molto presto, a 40 anni facevo parte della squadra d’avanguardia che supportava i migliori ingegneri dei nani, compito remunerativo ma certo non poco pericoloso.

5766d-imong2bituttof
Imong Ituttof

Il clan Ituttof,  guidato dal Patriarca Ittut Ituttof aveva sempre sfornato e fornito tra i migliori cercatori degli gnomi della Costa della spada ed io, tra fratelli, cugini più o meno stretti, nipoti e quant’altro,non facevo eccezione.

Era il 1288 DR, ma dopo quell’episodio le ricerche furono interrotte, i nani se ne tornarono nei loro rifugio più remoti e le perdite tra i cercatori gnomi erano state così tante che per alcuni anni le comunità avrebbero dovuto faticare prima di poter disporre di nuovo di cercatori degni di questo nome….anche nel nostro clan le perdite erano stati ingenti,ma per alcuni ricominciare fu più facile che per altri…..e la cava cadde di nuovo nell’oblio,le mappe degli scavi andarono perdute e non se ne parlò più….

Quattro anni più tardi, diventato uno gnomo depresso dalla perdita di scopo e amici, compagni e minatori, e privato del titolo di Cercatore, ero rotolato fino a Waterdeep ad indugiare nei vizi che la maggior parte degli gnomi troverebbero tra i più esecrabili, con una piccola abitazione in una zona malfamata e un’esistenza fatta di molto tempo da perdere.

Era il 1292 DR quindi, e forse il destino aveva deciso che avessi gozzovigliato abbastanza…

Il rumore del batacchio sulla porta di prima mattina dopo una nottata passata a ciondolare da una taverna all’altra è più fastidiosa di un corno degli hobgoblin….aprii la porta e il mio sguardo ancora ubriaco scorse uno del clan, un cugino da parte di qualche zio o non so che cosa, comunque lo riconobbi come Ragreud ituttof, tipo simpatico….

Imong,il vecchio ti vuole, muoviti”, me lo ricordavo più simpatico……

E fu così che prima che me ne potessi rendere conto (le sbornie di sidro umano sono particolarmente opprimenti) ero di nuovo sotto lo sguardo severo e giudicante del probabilmente mio bisnonno Ittut, nelle dimore del clan….

Ma non era solo, di fianco a lui c’era un uomo,avevo già visto quelle vestigia…mi ricordavano i momenti della cerca per la cava, era un prete di Shaundakul….ma di più avevo già visto quel viso….

Imong, riconosci quest’uomo?” chiese Ittut

Certo”

bene,sappi che ti unirai a lui e ad altri abitanti della Costa per partire per il deserto, che ti piaccia o no….non iniziare a borbottare, è tempo che ritorni ai tuoi doveri e che tu smetta di abitare in quel porto di mare di waterdeep, per la mia barba!”

perché il deserto? fa caldo nel deserto, preferirei certo un incarico più comodo per il mio….”

zitto!! sei qua solo per ascoltare!!”tuonò il capo clan….

Il vecchio aveva perso i capelli ma non certo la tempra…..

non troverai caldo dove andremo, ma anzi avrai di che gelarti il sangue”disse il prete

Ittut riprese la parola visibilmente scosso dalle informazioni del prete e spiegò che, con l’aiuto dei divinatori, la opale nera era stata individuata in una remota zona desertica, all’interno di un sotterraneo maledetto, o così si diceva….il culto di Shaundakul voleva vederci chiaro su chi o cosa dimorasse un quel posto lugubre che incombeva sulla Costa, se questa minaccia era davvero quello che si pensava e che nessuno diceva ad alta voce…quindi tutte le popolazioni avrebbero fatto la loro parte….io nel particolare dovevo individuare la preziosa pietra e cercare di recuperarla con la l’aiuto e la benedizione del culto di Shaundakul, e io avrei guidato il gruppo per scovare pericoli e trappole, quello sarebbe stato il mio compito in questa impresa, programmata e guidata da quel prete…..avevo pescato la pagliuzza più corta, evidentemente…..queste erano le regole d’ingaggio….

Prima di partire tese la mano verso di me e mi disse:

prendi questo anello,ti aiuterà non poco a passare inosservato, se vuoi recuperare la pietra nera e recupare il tuo titolo, ne avrai bisogno”

Ci mettemmo in cammino il giorno dopo, era il 10 di Uktar….la partenza della compagnia era prevista da Loudwater, per poi proseguire a est per il deserto, fummo gli ultimi ad arrivare e i primi ad essere pronti, ed effettuati tutti i rituali per la buona riuscita della missione il prete ci invitò a seguirlo…

…Don Zauker era il suo nome,la tomba di Acererak la destinazione.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...