5 Flamerule, 1356 DR – Zachary Bumblerose, ufficiale!

Il giorno 13 Kythorn ero nuovamente a Tilverton, dove l’Alto Prete Gharri di Gond, protettore degli artigiani, carpentieri e fabbri, cercava all’interno del consiglio provvisorio di mantenere l’indipendenza della città. Lady Rowanmantle, saggiamente glielo consentiva. Questo calmava gli animi degli abitanti. Ma Tilverton era ormai occupata militarmente e molti quadri del Cormyr si erano già insediati nelle sue istituzioni. Si sarebbero presto rassegnati all’annessione, perché Hokka non lo avrebbe fatto e tantomeno lo avrebbe fatto re Azoun IV.
In una cerimonia solenne, in cui si fece il saluto delle armi ai caduti, la mia squadra ricevette una menzione d’onore, io divenni ufficiale con il grado di luogotenente e come ricompensa per aver ucciso l’Araldo, mi vennero consegnati i suoi guanti, vera fonte della sua forza.
Nello stesso momento, cessai di fare parte della guardia personale di Thomdor. Il Barone mi congedò affermando che ci saremmo rivisti se e quando la mia disciplina avrebbe uguagliato la mia fortuna. 

Zachary Bumblerose

Per tutto il resto del mese viaggiai per assicurare la sicurezza dei nuovi e vecchi confini est e nord del regno. Ritornai a Passo Tilver, sul quale erano stati avviati i lavori di costruzione di un avamposto, presidiai Passo Ombra, combattei alle Terre di Pietra e sui Picchi del Tuono. Accrebbi la conoscenza del territorio e mi guadagnai la fama di guerriero indomito. La mia squadra rimase sempre con me, anche se mi capitò di guidare contingenti anche più numerosi. Non potevo dirlo con certezza, ma ero convinto che la mia fortuna avesse un nome che ancora si teneva celato. Il perlustratore che mi aveva salvato contro l’Araldo, era in realtà un maestro d’armi e di travestimenti che si presentò con il nome di Grevan Gruncer, inviato da un ignoto protettore a guardarmi le spalle e a istruirmi nell’arte della spada.

In questo periodo giungevano voci di voli di draghi da nord e di combattimenti nelle Valli e nella foresta di Cormanthor. Nessun ordine però giungeva da Suzail: l’unico nostro compito era proteggere i nuovi confini.
Al 3 di Flamerule la notizia che Scardale avesse annesso con la forza Featherdale, Harrowdale e parte di Battledale era ormai certa. Deepingdale e Tassledale sarebbero state le prossime. Se fossero cadute, sarebbe morta ogni possibilità di riscossa per le Valli e per Morn. Ma non era questo che mi preoccupava. Per come la vedevo io le Valli non avevano futuro comunque. Erano piuttosto i miei compagni a correre un grosso pericolo. Se una guerra fosse scoppiata e nessun esercito organizzato fosse stato pronto a sostenerla, si sarebbero trovati tra l’incudine e il martello. Fu così che cominciai a passare sempre più tempo sui bastioni, lasciando che il mio sguardo seguisse gli uccelli che si perdevano all’orizzonte.
In una bella mattina di inizio Flamerule, una bandiera dei dragoni si slacciò dalla sua asta e, catturata da un vento fresco, venne spinta molto oltre le mura della fortezza in cui ero e i territori antistanti che usavamo pattugliare. In quel momento, seppi che il mio tempo dentro i confini del Cormyr stava per finire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...