2 Mirtul, 1356 DR – “Cara Rosetta…Tuo Arpino"

Cara Rosetta,
è molto bella questa cosa dello scrivere. Ho pensato che scriverò ogni sera qualcosa per poter ricordare tutto quello che mi capita, così quando ci rivedremo non dovrò perdere tempo a raccontarti tutto dal principio, dato che potrai leggerlo da sola.
La decisione di seguire il buon chierico Kloi e il suo gruppo si rivela interessante. Ce ne capita ogni giorno una nuova, anche se ancora di soldi non se ne vedono molti. A parte la ricompensa per aver fatto da corriere per il signore dei Just Hammer. Le parole del vecchio gnomo mi hanno colpito molto, se quello che dice è vero anche la nostra valle potrebbe essere in pericolo. Temo di essermi infilato in una storia più grande di me, mia cara Rosetta, spero di cavarci fuori la pelle.
…era proprio un troll, Rosetta, non ne vedevo uno da tantissimi anni…

Ieri notte stavamo dormendo nella nostra tenda, avevamo deciso di ripartire il giorno dopo per dirigerci verso questa torre bianca di cui tutti parlano ma che nessuno sembra aver visto, se non mentre dormiva (secondo me alla gente alta più di un metro non arriva abbastanza sangue al cervello, cara Rosetta). Io ero in tenda con il padron Kloi, quando sentiamo da fuori degli strani rumori. Guarda e riguarda, ad un certo punto vediamo vicino al fuoco ancora acceso al centro del villaggio un mostro simile a quelli che ci raccontavano da piccoli per farci paura. Era proprio un troll, Rosetta, non ne vedevo uno da tantissimi anni. La situazione era tesissima, cara Rosetta, non riuscivo a vedere quasi niente a parte il mostro verde che cercava di spegnere il fuoco, dato che, mi ha spiegato dopo l’elfo, a quanto pare ne hanno molta paura. Ad un certo punto, non ci crederai, ne arrivano altri due, li sentiamo solo però, dato che sono vicini alle tende dei nostri compagni. Quei maledetti gnomi non si sono neanche svegliati per farci luce con le torce. Dovevamo cavarcela da soli,cara Rosetta. Kloi ha pregato Tyr, il quale in tutta risposta ha mandato in nostro aiuto un martello magico brandito da chissà che mano invisibile. Il martello magico e Loki si lanciano verso il mostro vicino al fuoco. Io, cara Rosetta avresti dovuto vedermi, sprezzante del pericolo, mi sono gettato a dar man forte contro il troll. Eravamo in tre a pestare con martelli e fauci, non ha fatto nemmeno in tempo a vederci che lo abbiamo massacrato. Incredibilmente, sembrava come se la sua carne macinata dai colpi rimanesse viva e cercasse di ricomporsi, fin quando non gli abbiamo dato fuoco con l’aiuto di Paula. Intanto, anche Halfgrimur, Zeke e Meena avevano il loro bel da fare con gli altri due troll. Con qualche difficoltà ne hanno ucciso uno. Il terzo ci è scappato. Presi dalla foga della battaglia, ci siamo accorti solo al mattino che il mostro si era portato via il vecchio gnomo dalla tenda dove stava dormendo, il quale credo non si sarà accorto di niente data la pesantezza del suo sonno e gli strani intrugli di erbe che fumava tutto il giorno.

…io immaginavo già tutti gli schifosi ragni giganti...

Non potevamo certo evitare di sentirci in debito con l’anziano, quindi ci siamo vestiti in fretta e, con l’aiuto di Madarn, ci siamo gettati all’inseguimento, guidati dal sempre attento spilungone elfico. Mentre ci addentravamo nella foresta, la tensione saliva, cara Rosetta, dato che i rovi si facevano sempre più intricati e aumentava il numero di ragnatele che dovevamo scostare dalla faccia per proseguire. Io immaginavo già tutti gli schifosi ragni giganti che pregustavano la nostra carne sopra i rami degli alberi. Anche Madarn, che abitualmente si addentra in questa foresta, era restio a proseguire, dato che ci avvicinavamo sempre di più ad una zona fitta di covi delle immonde creature. Le tracce del troll ci dicevano invece che la bestia non sembrava avere i nostri stessi timori nel proseguire in mezzo ai ragni. Tu, mia cara Rosetta, saresti svenuta sicuramente vedendo ciò che ho visto io: la sorte che tocca alle vittime dei ragni. Appesi agli alberi, a parecchi metri da terra, stavano appesi a testa in giù i corpi dissanguati di un gruppo di incauti che come noi si erano addentrati fin qui, non so per quale stramaledetto motivo. In merito a questo i miei compagni sembravano avere qualche idea, proveniente dalle visioni che devono aver tormentato i loro sogni nei giorni passati. Parevano infatti sicuri di poter trovare una mappa nei dintorni, caduta dalle fredde mani degli sfortunati appesi. Vista la situazione, non perdo tempo ad approfondire il contenuto di questo foglio; volevo uscire al più presto da questo maledetto bosco. Ci dividiamo per cercare meglio. Siamo proprio io e Paula a trovare la mappa, proprio in mano ad uno dei cadaveri. Nel frattempo però, i ragnacci attaccano Zeke e Kloi, poco distante da noi. L’inesperienza del gruppo ci ha portato a dividerci senza studiare il terreno e così ci siamo persi di vista. Abbiamo iniziato a correre in tutte le direzioni da cui proveniva una voce amica, con la costante minaccia di essere morsi dall’alto. La sua solida armatura ha protetto Zeke dal veleno dei ragni. È andata peggio invece al buon Kloi, che è stato morso più volte. Alla fine,con un pò di fortuna, siamo riusciti a riunirci sul sentiero che avevamo lasciato poco prima. Ora però rimane il problema di cosa fare. Il troll, con lo gnomo che ci ha aiutato e mostrato la via da seguire quando eravamo persi, sembra ormai lontano, in un territorio quanto mai ostile e pieno di ragni velenosi e di chissà cos’altro. Almeno abbiamo recuperato la mappa a cui sembrano dare tanta importanza i miei compagni, forse ci indicherà una via d’uscita. Ormai la notte si avvicina.

Tuo Arpino
(XI Sessione, 15 Dicembre 2013)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...